MotoGP, Jack Miller

MotoGP, Jack Miller sarà il degno erede di Andrea Dovizioso?

Ducati punta tutto su Jack Miller nella stagione MotoGP 2021. Con Luca Marini, Enea Bastianini e Jorge Martin ha il titolo "rookie of the year" assicurato.

10 gennaio 2021 - 12:16

La Ducati schiera sei prototipi anche nella stagione MotoGP 2021 e potrebbe essere l’ultima. Con i team satellite che dovranno organizzarsi per il prossimo quinquennio, la scuderia spagnola Esponsorama rischia di liquidarsi per lasciare il posto alla nascente VR46 di Valentino Rossi. Alla casa di Borgo Panigale il coraggio di essere l’unico costruttore a puntare sui rookie nel prossimo Mondiale. Tre le giovani leve che arrivano dalla Moto2, tutte in sella ad una Desmosedici GP: Jorge Martin, Enea Bastianini e Luca Marini. Il primo con una moto factory, gli altri con una GP19. Il titolo “rookie of the year” è assicurato!

Miller erede di Dovizioso

Con l’addio di Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, Ducati punta tutto su Jack Miller, Pecco Bagnaia e Johann Zarco. Sulla carta la punta di diamante risulta l’australiano, autore di uno splendido finale di campionato 2020. L’età media dei sei piloti passa da 29nel 2020 a 24,1 nel 2021. Borgo Panigale ha investito su freschezza e motivazione per dare una svolta alla storia del marchio in MotoGP. “Ducati può essere criticata per tante cose – spiega Paolo Ciabatti a Speedweek.com -. Ma non si può negare che ora abbiamo investito nel futuro e dato una possibilità a molti giovani piloti della nuova generazione… Adesso ci proviamo in Ducati“. Sarà in grado di non far rimpiangere la partenza del Dovi?

La variabile “imprevedibile” è proprio il veterano Zarco. Con Avintia ha ottenuto pole position e podio a Brno, poi si è perso nelle ultime fasi di gara. Stesso problema di gestione gomme riscontrato con la KTM RC16 nel 2018-2019. Per ambire al sogno iridato si punta su Miller e Bagnaia. “Jack ha abbastanza esperienza e ha concluso la stagione 2020 con i migliori risultati“, aggiunge Paolo Ciabatti. “Quindi è probabile che sia il nostro candidato numero uno. Ma Pecco non è da sottovalutare… Non possiamo aspettarci troppo dalla squadra dell’Esponsorama con i due esordienti. Non voglio mettere troppa pressione sui nostri rookie, questo vale anche per Jorge Martin a Pramac. Devi conoscere la MotoGP e la tua nuova moto. Dovrebbero spingere e aumentare la loro velocità solo dopo aver trovato la strada per questa nuova classe e sentirsi a proprio agio“.

2 commenti

corsedimot_15035767
15:53, 10 gennaio 2021

No.

    Max75BA
    17:14, 10 gennaio 2021

    …il Dovi arrivò in Ducati con un gp vinto in circostanze “particolari” con la Honda, idem per Miller…che sia di buon auspicio

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “C’è chi va in pensione e chi è troppo vecchio”

MotoGP, la storia: Jarama, sede del GP di Spagna e non solo

Tatsuki Suzuki Moto3

ESCLUSIVA Tatsuki Suzuki: “Superpole in Moto3? Solo se…” (Parte 1)