MotoGP, Jack Miller al Mugello

MotoGP, Jack Miller: “Gruppo di clown, compreso un pilota Petronas”

Jack Miller punta il dito contro alcuni colleghi MotoGP. Nel time attack infatti ha trovato otto piloti in attesa. Compreso Valentino Rossi.

28 maggio 2021 - 23:58

Jack Miller chiude la top-10 della classifica combinata dopo il primo giorno di MotoGP al Mugello. Reduce da due vittorie consecutive, il pilota Ducati non ha risparmiato battute nella conferenza stampa post prove libere. A cominciare dal rinnovo annuale che non gli fa certo dormire sonni tranquilli… “Non è stata una mia idea. Come pilota vuoi sempre avere una sicurezza nella tua vita. Non devo dimostrare nulla a me stesso per negoziare condizioni migliori nelle prossime trattative, perché cambiano poco. Ma i responsabili vogliono mantenere aperte le opzioni. Ti rende un po’ nervoso, ma sono affari“.

Il circuito del Mugello d’altronde infonde sempre una grande iniezione di adrenalina. Specialmente alla curva 1 della San Donato, dove si arriva a velocità esorbitanti, anche se al momento il record assoluto di velocità in MotoGP non è stato scalfito. “Qui 350 chilometri all’ora sembrano diversi rispetto ad altri circuiti – ha proseguito l’australiano della Ducati -. È solo al Mugello che capisci quanto siamo veloci in realtà. Mi sono anche pisciato nei pantaloni la prima volta. Ma penso che non abbiamo un problema di sicurezza qui. C’è abbastanza spazio e anche se il muro fosse spostato un po’, la sensazione non cambierebbe molto. Ci sono percorsi più pericolosi in calendario“.

Miller: “Dovremmo essere dei modelli, e poi…” 

Il decimo posto nella combinata del venerdì è frutto di un pessimo feeling con le gomme e del traffico trovato nel suo time attack nelle FP2. “Il primo set di gomme si è degradato in tempi brevi perché si è surriscaldato“. Poi non ha risparmiato parole al vetriolo verso alcuni colleghi della classe MotoGP. “Dovremmo essere dei modelli e poi fai un giro veloce in un gruppo pieno di pagliacci. Erano almeno otto piloti. Questi includevano le due Honda ufficiali, una Petronas Yamaha il cui pilota ha vinto nove titoli e così via – ha detto Jack Miller -. Mostriamo ai talenti della classe Moto3 come dovrebbero guidare. Semplicemente non c’è bisogno di rallentare e aspettare“.

Il pilota del team Ducati factory sottolinea anche che “In MotoGP la scia non aiuta molto. Se ci sono uno o due piloti in attesa, non c’è problema. Ma con otto piloti non credo sia corretto...”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

3 commenti

mago.s197_15451648
9:33, 29 maggio 2021

Intanto Vinci i mondiali che hanno vinto quello con la Petronas e quello con la HRC poi ne riparliamo

    Anonimus
    17:02, 1 giugno 2021

    Ciò non toglie che è vergognoso che dei pluri campioni del mondo si comportino come dei ragazzini della moto 3…

    makiland
    11:51, 29 maggio 2021

    JM ha ca…g…ato una delle peggiori uscite della sua vita POLLICIONE VERSUS X SEMPRE.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi e Andrea Dovizioso… sarà un mercoledì davvero speciale!

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales: l’idea del ritiro per “vergogna”

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, uragano Marc Marquez: una vittoria “strappalacrime”