MotoGP, Jack Miller

MotoGP, Jack Miller: “Domenica sono caduto in purgatorio”

Jack Miller ha accusato strane vibrazioni alla ruota posteriore nella prima gara MotoGP 2021. Nel secondo week-end di Doha proverà a riscattarsi.

2 aprile 2021 - 9:46

Jack Miller era il grande favorito fino alle qualifiche del sabato, ma all’apertura della stagione MotoGP 2021 ha chiuso con il 9° posto. Mentre Zarco e Bagnaia s’involavano sul podio, l’australiano ha pagato il consumo della gomma. A distanza di pochi giorni c’è la possibilità di trovare riscatto a Doha. Scacciando l’ipotesi di un incubo gomme come avvenuto l’anno scorso ad Andrea Dovizioso. “Non vedo problemi. Sono stato in grado di adattarmi alle gomme lo scorso anno. Le gomme sono invariate. Quindi non è un problema. Non sono preoccupato“.

Problema isolato e marginale, a detta di Jack Miller, che ha brillato nel finale di campionato 2020 e nei test MotoGP qui a Losail. Le difficoltà di domenica scorsa sono arrivate quasi come un fulmine a ciel’ sereno, ma può starci. “Ho completato simulazioni di corse e so come guidare. Ma dobbiamo aspettare fino a quando non guideremo su altre piste, vedremo se riuscirò a far funzionare le gomme lì“. Nel box Ducati hanno focalizzato il problema della sua Desmosedici GP21, la soluzione sembra scontata. Guai però a parlare di vittoria ad ogni costo… “Non c’è l’obbligo di vincere la gara. La stagione è ancora all’inizio. Stiamo facendo del nostro meglio per finire davanti“.

A frenare la prestazione di domenica scorsa hanno contribuito le temperature più fresche della domenica. E soprattutto il forte vento, che ha penalizzato una MotoGP fortemente aerodinamica come la Ducati. “Il vento non era esattamente l’ideale, c’erano strane vibrazioni che provenivano dalla gomma posteriore. Non riuscivo a guidare alle mie solite velocità in curva“, spiega Jack Miller. “Il mio piano e la mia strategia erano buoni. Devo solo riprendermi e ricominciare da capo“. Tutto bene fino alle qualifiche, i veri problemi sono sorti a metà gara. “Sono caduto come in un purgatorio, non potevo andare né avanti né indietro… Lavoreremo di più nelle sessioni questo fine settimana e cercheremo di evitare qualcosa del genere“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kelso ortola ogden whatley moto3

Moto3: Kelso, Ortolá, Ogden e Whatley, ecco i primi rookie ufficiali

MotoGP, Andrea Dovizioso con la Yamaha M1

MotoGP, Dovizioso: Quartararo maestro di stile, ma lo stop pesa tanto

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco