motogp poncharal tech3

MotoGP esclusiva, Hervé Poncharal: “Non siamo ancora scesi dalle nuvole” (parte 1)

Le due emozionanti vittorie con Oliveira, il rapporto con KTM, i passi avanti compiuti... La prima parte dell'intervista a Hervé Poncharal, boss KTM Tech3.

27 dicembre 2020 - 16:12

La pausa invernale è un buon momento per fare il punto sulla stagione MotoGP appena conclusa, proiettandoci già al 2021. Un’annata che si è chiusa con il grande successo di Oliveira e Tech3 a Portimão. Logico quindi parlare con Hervé Poncharal, che oltre ad essere boss del team è anche presidente IRTA. Ecco cos’ha raccontato di questo particolare ed emozionante campionato 2020.

L’apoteosi alla fine di quello che è solo il secondo anno di contratto con KTM. Credevi fosse possibile ottenere due vittorie in MotoGP, visto che il primo gradino del podio in classe regina ti era sempre sfuggito finora?

Non voglio mentire. Se mi avessero detto ad inizio 2019 che a fine 2020 saremmo stati lì, ti avrei scambiato per un sognatore o un pazzo ottimista. Nel corso dei primi giri con la KTM durante la offseason 2018/2019 abbiamo capito che c’era ancora molto lavoro da fare. Siamo partiti con un debuttante, Miguel Oliveira, e con Hafizh Syahrin, reduce da un anno con la Yamaha, ma eravamo fiduciosi: sapevamo che molte cose sarebbero cambiate. Anche il fatto di avere quattro piloti invece di due sarebbe stato d’aiuto. Ma non avremmo mai pensato che l’evoluzione sarebbe stata così veloce. È una storia molto bella! Molti nel paddock dicono che la moto che dall’esterno sembra migliore è quella che ha vinto il campionato, la Suzuki, ma che quella che ha fatto i maggiori passi avanti è la KTM.

Risultati incredibili in questo 2020. 

Tutti insieme abbiamo comunque vinto tre gare, fatto cinque podi e due pole position. L’ultima gara poi si è conclusa con una tripletta: pole, record sul giro e vittoria, in testa dal primo all’ultimo giro. Una dimostrazione incredibile, lo dico sempre che storie del genere sono una favola! La favola non è finita, ma concludere così l’ultima gara del 2020, l’ultima con Miguel Oliveira in Tech3, nel primo Gran Premio in Portogallo a Portimão… Ti mette le ali, ti rende leggero e ti fa dimenticare tutti i momenti difficili che abbiamo dovuto vivere. La chiusura totale, il pensiero se avremmo gareggiato o meno, e partire poi con anche tre gare di fila. Ora siamo a casa, ma nessuno è davvero sceso dalle nuvole. 

Come spieghi gli spettacolari progressi di KTM in così pochi anni?

Non esiste un’unica risposta, ma raramente ho visto una fabbrica con questo amore per le corse. Potrebbe suonare come uno slogan pubblicitario, ma è la verità: non ho niente da vendere, non ho niente da comprare, dico solo quello che sta succedendo. Dall’autista del camion al grande capo dell’azienda, tutti vivono per le competizioni. C’è tanta voglia di fare bene: ogni dettaglio è studiato, nulla è lasciato al caso. C’è un Test Team che sta svolgendo un gran lavoro con Dani Pedrosa, ma ci sono voglia di vincere e fiducia nel lavoro in forma contagiosa. La partita però non era vinta in anticipo: Stefan Pierer, il boss e proprietario, non ha mai voluto cedere sul telaio tubolare d’acciaio e sulle sospensioni WP. Fino ad ora infatti si diceva che non c’era futuro e che nessun successo possibile senza il telaio in alluminio e le sospensioni gialle. Quindi non solo ci sono riusciti contro ogni previsione, con una marea di critiche e battute a volte inadeguate, a mantenere la loro direzione tecnica e il loro DNA. Ma con tutto questo lavoro sono riusciti a realizzare in pochissimo tempo una delle migliori moto del campionato.

Quando poi ci siamo ritrovati insieme nel box, dopo il podio, ho detto a Miguel: “Ti ricordi di Valencia 2018, la prima volta che ti sei seduto sulla moto? Ricordi la prima sensazione? Capisci quanto sei andato lontano in 24 mesi?” Lui ha annuito, con Mike Leitner in piedi accanto, poi ci siamo guardati ed abbiamo riso. Aggiungo che siamo una fabbrica europea, con una gestione iper verticale. Per avere un via libera ci vogliono meno di 10 minuti! Quando abbiamo un’idea chiamiamo il capo, che è super disponibile ed in 10 minuti ci dà l’ok o ci ferma. Ma finora ci ha sempre detto di andare. Questo è molto importante perché nelle aziende più grandi, e in particolare in quelle asiatiche, deve passare attraverso un sacco di gerarchie. Ci vuole sempre un certo tempo ad ogni passaggio, e a volte anche un no non torna più. È importante questa reattività. 

Un momento commovente? 

Tutto mi commuove, e ho avuto la mia parte di emozioni a Portimão. Ma ci sono molte cose che mi hanno particolarmente commosso alla fine della gara. Un momento molto bello è stato quando ho preso Miguel tra le braccia e ci siamo guardati senza dirci niente, fronte contro fronte. Un’altra cosa che mi ha commosso molto è con Stefan Pierer, il capo del gruppo Pierer Mobility che rappresenta KTM, Husqvarna, GasGas, WP e così via. Subito dopo la bandiera a scacchi, mi sono voltato e lui era lì. Mi aspettava, mi ha preso tra le braccia e ha pianto. È bellissimo! Non c’era niente da dire, non aveva bisogno di dire “Ben fatto, sono felice”. È bastato questo gesto per capire tutto, per capire cosa significano per lui le corse e la MotoGP. Per capire cosa gli stai dando come emozione quando si è fidato di te e ti segue. Sono aneddoti che mostrano la passione, l’investimento e le relazioni umane che esistono. 

Un team MotoGP non è solo persone ma anche macchine. Quando KTM è entrata in questa categoria, abbiamo visto un valzer di nuovi dirigenti, quasi in ogni gara. Lo sviluppo continua allo stesso ritmo frenetico?

Nel 2019 ho vissuto il periodo della Moto2, con tanti telai diversi. Non ero con loro in MotoGP quando è iniziato il progetto. È vero che ci sono stati tanti sviluppi, ed è normale, perché quando non sai dove stai andando e per di più sei l’unico ad utilizzare una certa tecnologia, ci sono tentativi ed errori. Ma quando hai la volontà di andare avanti, allora devi testare, confrontare, ecc. Abbiamo visto però chiaramente che quest’anno, da quando è arrivato il prototipo 2020 che abbiamo provato a Valencia e Jerez lo scorso anno, c’è una vera stabilità. Stabilità reale. Oltre ad un numero di modifiche nettamente inferiore rispetto a quello che abbiamo sperimentato negli ultimi due anni con il nostro precedente costruttore. Abbiamo raggiunto un punto di comprensione e prestazioni del nostro equipaggiamento in cui si tratta più di lavorare sui parametri di ottimizzazione. Quindi di aggiustamenti, del nostro pacchetto piuttosto che mettere in discussione tutto in ogni gara. Ora c’è una vera stabilità tecnica. 

Possiamo quindi dedurre che la moto 2021 assomiglierà molto alla moto 2020…

Sì! So che stanno cercando di pensare a come ottimizzare il pacchetto tecnico che abbiamo oggi. Ma sarà molto, molto vicino a quello che abbiamo ora, anche se penso che ci sia ancora un modo per guadagnare due o tre decimi. Tutto è importante e prendo ad esempio il dispositivo holeshot. L’abbiamo ricevuto relativamente tardi, ma da quando, cioè da Aragón, funziona molto bene. Ma senza questo sistema forse non avremmo potuto fare la gara vista in Portogallo. Miguel è partito come un missile, da subito in grado di guadagnare un certo margine già nelle prime due o tre curve. È quindi evidente che questo aiuto ci ha aiutato molto. 

Continua…

L’articolo originale su paddock-gp

1 commento

fzanellat_12215005
16:54, 27 dicembre 2020

Miguel Oliveira è una bella sorpresa ma non si tratta di un “fermo”. Ha fatto bene sia in Moto2-3 piazzandosi
2° o 3° nei rispettivi campionati.
Il 2021 può essere la definitiva conferma che in Ktm
lavorano per ottenere risultati grandiosi.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

Test MotoGP, Valentino Rossi cambia programma. ‘Dovi’ più aggressivo

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Da Dovizioso aspettiamo info su Ducati”

iker lecuona motogp

MotoGP, Iker Lecuona: “Devo mantenere lo stesso spirito di sempre”