MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, incidente Ducati-KTM: Jorge Lorenzo difende Pol Espargarò

Jorge Lorenzo commenta l'incidente avvenuto durante la gara MotoGP a Brno tra Johann Zarco e Pol Espargarò. "La sanzione è giusta".

10 agosto 2020 - 18:45

L’incidente avvenuto in curva 1 durante il GP di MotoGP a Brno continua a dividere piloti ed ex campioni. Se Casey Stoner ha difeso a spada tratta la manovra di Johann Zarco, Jorge Lorenzo difende Pol Espargarò e approva la decisione della Direzione Gara. Il pilota Avintia ha dovuto effettuare un Long Lal Penalty che fortunatamente non gli ha fatto perdere posizioni, ma gli ha impedito di tentare l’assalto al secondo posto finale.

L’incidente tra Johann e Pol

Per certi versi l’incidente ricorda quello avvenuto a Jerez nel 2018, quando il miorchino ha toccato Dani Pedrosa causando una tripla caduta che vide coinvolto anche Andrea Dovizioso. “Quello davanti dovrebbe sempre avere la precedenza (a maggior ragione se non vede quello dietro). È responsabilità del pilota dietro cercare di sorpassare senza mettere a rischio il pilota che precede. Se lo metti a rischio e cade – aggiunge Jorge Lorenzo -, la sanzione è giusta”.

Da non dimenticare che non molto tempo il pentacampione e il pilota francese si sono resi protagonisti di un botta e risposta a distanza e dai toni abbastanza accesi.E prosegue con l’analisi dello scontro: “Se vai troppo lungo, quasi fuori pista, come nel caso di Pol è andato solo un paio di metri fuori, Zarco ne ha approfittato (pur sapendo che Pol sarebbe tornato dentro) per dare più benzina del solito ed entrare. Ma non gli ha concesso di mettersi davanti a lui“.

Complimenti a Binder

Il collaudatore Yamaha fa i complimenti a Brad Binder per la sua prima vittoria in MotoGP. Merito non solo di una KTM RC16 in progressiva evoluzione, ma anche del lavoro svolto da Dani Pedrosa da un anno e mezzo a questa parte. “Binder è un ottimo pilota, l’ho sempre detto“, ricordando quanto detto prima del secondo round di Jerez. “È molto tecnico in curva e mi piace come sale, facendo scivolare la ruota posteriore in modo uniforme e controllato. Farà molto bene in MotoGP… Congratulazioni anche a KTM e Dani Pedrosa per l’ottimo lavoro con quella moto“.

2 commenti

tonysupermach_14959114
23:02, 10 agosto 2020

Il punto é che Pollo Espargaro aveva un mezzo nettamente superiore alla Ducati di Zarko. Il tentativo di volerlo chiudere a tutti i costi e’ stata una mossa stupida. Tutti i piloti rientrando da un lungo girano la capoccia per guardar chi arriva, questo perché, come ho già scritto, chi sta all’esterno ha più da rimetterci.
Questa polemica l’ha creata ad arte per non parlare del suo errore, lo lasciava sfilare e lo risorpassava il giro successivo. Invece sé giocato un podio che sarebbe stato un successo incredibile per Ktm.

quattordici800_14945882
19:44, 10 agosto 2020

Questo è il commento di chi l’anno scorso con un tentativo di sorpasso impossibile ha steso 4 piloti???il pilota che fa un lungo ha tutto il diritto di rientrare e non trovare nessuno al suo posto???è colpa del covid?della quarantena a Dubai o è proprio così di suo???lo vedrei benissimo assieme a vettel in questo momento

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp catalunya

MotoGP, cambia la curva 10 del Circuit de Barcelona-Catalunya

Spy MotoGP: alluminio vs carbonio, i diversi forcelloni Yamaha a Portimao

MotoGP, Alex Rins e Joan Mir

MotoGP, accordo Suzuki-Monster Energy per il 2021