motogp buriram

MotoGP: il Gran Premio di Thailandia posticipato al 2022?

Calendario MotoGP che si avvia verso un nuovo cambiamento. Il Gran Premio di Thailandia di inizio ottobre prossimo alla cancellazione.

3 febbraio 2021 - 7:36

Sembra ci sia un appuntamento ormai prossimo alla cancellazione per quanto riguarda il calendario MotoGP 2021. Si tratta del Gran Premio di Thailandia: questo martedì il governo del paese avrebbe deciso di posticipare il piano originale per ospitare questo evento del Motomondiale. La data al momento rimane quella del 10 ottobre, parte del quadruplo appuntamento asiatico, ma vista la situazione attuale a causa del Covid-19 i cambiamenti sono ormai all’ordine del giorno…

Come sottolineato dai colleghi di Paddock-GP, il programma originale prevedeva che il Buriram ospitasse l’evento dal 2021 al 2025. Un piano che ora verrebbe spostato in avanti di un anno, ovvero dal 2022 al 2026. Secondo quanto riportato dal Bangkok Post, la vice portavoce Traisuree Taisaranakul avrebbe confermato l’intenzione del governo di procedere con l’investimento quinquennale di 900 milioni di baht (circa 25 milioni di euro). Ma appunto, un anno dopo rispetto a quanto si prevedeva in precedenza.

Al momento non c’è ancora nessuna conferma ufficiale da Dorna Sports, ma il rinvio della tappa thailandese non appare lontano. Dopo l’addio di Brno e lo spostamento (per ora) del doppio round sul continente americano, si tratterebbe del quarto evento da cambiare nel Mondiale MotoGP 2021. Senza dimenticare i dubbi per la situazione in Qatar. La situazione è complessa e si rischia di riavere un calendario molto simile a quello programmato nel 2020. Attendiamo la prossima mossa da parte di Dorna…

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Luca Marini a Losail

LIVE MotoGP Qatar: diretta Test Losail day-1 in tempo reale

MotoGP, Enea Bastianini a Losail

VIDEO MotoGP Qatar: Le immagini della giornata di shakedown, Bastianini parte a razzo

suzuki motogp

MotoGP: I colori Suzuki 2021 per il campione Joan Mir ed Alex Rins