MotoGP: I motori utilizzati dai piloti nella prima metà di stagione

La lista dei motori utilizzati dai piloti MotoGP finora, con qualche differenza tra squadre con e senza concessioni. Ecco tutti i numeri nel dettaglio.

25 luglio 2019 - 12:39

Siamo nella pausa estiva, seguita alle prime nove gare di questo campionato 2019, ed è tempo di guardare qualche dato. Interessante è osservare il numero di motori utilizzati dai piloti della categoria MotoGP a questo punto della stagione. Ricordiamo le differenze tra squadre con concessioni, che hanno più motori a disposizione, e senza. Analizziamo i dati, come riportati da crash.net.

I costruttori che non hanno concessioni, vale a dire Honda, Ducati, Yamaha e da quest’anno anche Suzuki, possono fare affidamento su sette motori nel corso dell’intera stagione. Cominciamo dagli alfieri Ducati. Dovizioso, Petrucci, Miller, Bagnaia e Rabat hanno utilizzato quattro motori, Abraham invece tre. Rabat però di questi ne ha perso definitivamente uno (non più utilizzabile per danni importanti o ‘fine vita’). In casa Suzuki i due alfieri Rins e Mir hanno utilizzato quattro motori, nessuno dei quali definitivamente fuori causa.

Media di quattro motori utilizzati anche per i piloti Yamaha, nello specifico da Viñales, Rossi e Morbidelli. Quartararo è fermo invece a 3, ma a differenza dei colleghi di marca lui ha 5 motori previsti per l’intera stagione. Il limite di giri al minuto è quindi più basso per ‘allungare la vita’ ai motori della sua M1. In casa Honda abbiamo Márquez, Crutchlow e Nakagami con quattro motori usati, tre invece per Lorenzo. Il maiorchino di Repsol Honda ed il giapponese di LCR Honda hanno però perso definitivamente uno di questi motori.

Passiamo poi alle squadre con concessioni tecniche, vale a dire KTM e Aprilia. Questi due costruttori hanno a disposizione 9 motori a pilota per l’intera stagione, oltre ad avere la possibilità di modificarlo nel corso del campionato. Vediamo come siamo messi nella casa di Noale. Sia Iannone che Aleix Espargaró hanno finora utilizzato quattro motori, con lo spagnolo che però ne ha definitivamente perso uno.

Per finire, ecco la situazione per quanto riguarda KTM. Pol Espargaró ed i due alfieri Tech 3, Syahrin e Oliveira, nei primi nove appuntamenti stagionali hanno sfruttato cinque motori, mentre Zarco è a quota quattro finora. Da segnalare infine che il malese di Red Bull KTM Tech 3 ha perso (per problemi tecnici o altro) uno dei cinque motori con cui è sceso in pista fino a questo momento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Iannone e Aleix Espargaro

MotoGP, Aprilia punta al team satellite: “Bisogna convincere Piaggio”

jordi torres

MotoE: Il team Pons schiera Jordi Torres nel 2020

motoe 2019

MotoE, il calendario 2020 definitivo: via Le Mans, torna Valencia