motogp marquez agostini

MotoGP: I campioni col maggior numero di titoli consecutivi

Tra i campioni in 500cc/MotoGP, chi è riuscito ad imporsi per più di una stagione? Da due a sette titoli consecutivi, ecco tutti i nomi.

30 aprile 2020 - 17:18

È difficile conquistare il titolo mondiale MotoGP, ancora di più lo è riuscire a confermarsi. Sono gli stessi campioni a riconoscerlo: una volta raggiunto il sogno, cambia tutto l’anno successivo. Il primo iridato 500cc, Les Graham con AJS nel 1949, non è riuscito a ripetersi. Non è stato l’unico nella storia del Motomondiale.

Ci sono piloti che toccano il vertice della propria carriera con la corona iridata, non riuscendo poi a conquistarne altre. Uno di questi casi è Nicky Hayden, campione nel 2006 dopo aver battuto Rossi. Prima di lui ricordiamo Crivillé, Roberts jr… O lo stesso Kevin Schwantz! Facciamo un ripasso di tutti i campioni che sono riusciti a mantenere la corona iridata dopo averla conquistata.

DUE TITOLI CONSECUTIVI

Abbiamo tre casi di questo tipo. Il primo è stato Phil Read, dopo la firma con MV Agusta come compagno di box del dominatore Agostini. È stato l’ultimo pilota a vincere il mondiale con una 500cc 4 tempi, tra l’altro doppiamente. Poco dopo, nel biennio 1976-1977, un altro britannico ha conquistato lo stesso risultato: parliamo di Barry Sheene con Suzuki.

Per chiudere la decade degli anni ’80, troviamo Eddie Lawson. Il pilota che ha vinto di più in quegli anni avrebbe vinto con Yamaha nel 1988, ripetendosi l’anno successivo… Ma con Honda! Il primo caso della storia, due titoli consecutivi nella categoria regina ma con due costruttori diversi. Se aggiungiamo altri due campionati nel 1984 e nel 1986 (nel ’85 perse contro Spencer, nel ’87 contro Gardner), siamo davanti ad uno dei più grandi.

TRE CORONE IRIDATE

Un altro passo avanti nel selezionato gruppo di piloti capaci di vincere per tre annate consecutive. Geoff Duke ha lasciato Norton dopo aver conquistato il titolo 500cc nel 1951, lamentandosi della carenza del motore. I risultati ottenuti successivamente gli hanno dato ragione: si è imposto tra il 1953 ed il 1955 con Gilera. Il suo duello con John Surtees sarebbe stato memorabile, ma non c’è mai stato. Il suo compatriota era già stato campione con MV Agusta nel 1956, successivamente imponendo un dominio totale tra il 1958 ed il 1960. Tanto da annoiarsi e spostarsi in F1.

Dobbiamo poi andare alla fine degli anni ’70 per trovare “il Marziano” Kenny Roberts. Campione all’esordio nel 1978, capace di mantenere il numero 1 in carena per le due stagioni che sono seguite. Una volta ritiratosi dalle corse ha dato vita alla sua squadra: il suo pupillo è stato Wayne Rainey, che sempre con Yamaha si è imposto in 500cc tra il 1990 ed il 1992. Un pilota vicino alla perfezione in quasi tutti gli aspetti.

QUATTRO MONDIALI 

Continuiamo il nostro percorso, stavolta considerando chi è riuscito a vincere quattro titoli consecutivi. Mike Hailwood ci è riuscito con MV Agusta tra il 1962 ed il 1965: il primo nella storia a farcela, oltre al essere il più giovane. Nel 1966 è passato a Honda, sfiorando un campionato poi andato ad Agostini. Con questa marca non è riuscito a vincere in 500cc, ma ce l’ha fatta in 250cc e 350cc.

Dobbiamo continuare fino al presente per aggiungere un altro campione capace di vincere quattro mondiali consecutivi: Marc Márquez. Ha vinto il primo campionato nel 2013 e ne ha sei in totale, ma nel 2015 è arrivato 3° in campionato. Il suo percorso migliore quindi va dal 2016 al 2019, esattamente nel periodo in cui ha ormai raggiunto la maturità sportiva.

CINQUE CAMPIONATI

Raggiungiamo così il ‘podio’ dei piloti che hanno dominato per un lungo periodo il Mondiale 500cc/MotoGP. Mick Doohan e Valentino Rossi infatti condividono la seconda posizione. Il pilota australiano è riuscito a lasciarsi alle spalle una gravissima lesione ad Assen ’92 per piegare tutti i rivali dal 1994 al 1998. Con il suo ritiro nel 1999, il pilota di Tavullia ha ereditato moto e team tecnico nel 2000, iniziando nel 2001 la scia di cinque titoli consecutivi. Con una difficoltà in più: essere l’ultimo campione 500cc, il primo MotoGP e riuscirci con due costruttori diversi, Honda e Yamaha.

SETTE TITOLI CONSECUTIVI

Come nella maggior parte delle statistiche riguardanti titoli e vittorie, Giacomo Agostini ha il palmares più ricco della storia del Motomondiale. Con MV Agusta ha stabilito il dominio più lungo mai conosciuto tra il 1966 ed il 1972. Parliamo di sette mondiali consecutivi in 500cc, con vittorie in tutte le gare a cui prendeva parte.

Il suo livello come pilota e la superiorità meccanica della sua moto erano irraggiungibili. In alcune competizioni addirittura doppiava il secondo classificato: non c’era storia. Attualmente Marc Márquez ha una striscia di quattro titoli consecutivi e potrebbe diventare l’unico ad avvicinare questo stratosferico record. Riuscirà ad eguagliarlo o addirittura a superarlo?

L’articolo originale su motosan.es

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto2, GP Qatar 2020

Moto2 e Moto3, chi sono i favoriti nel 2020?

MotoGP Aprilia brake cover

MotoGP, la tecnica: l’evoluzione dello stile di frenata (parte 1)

Espargaro KTM MotoGP

MotoGP, KTM riparte: test a Spielberg con Espargaró e Pedrosa