MotoGP, Honda in pista a Jerez. Marc Marquez cerca muscoli

Marc Marquez continua la riabilitazione dopo l'operazione alla spalla destra. Honda in pista a Jerez con Stefan Bradl in sella al prototipo MotoGP 2020.

20 gennaio 2020 - 14:56

Marc Márquez continua la riabilitazione dopo l’intervento alla spalla destra. Ha accelerato i tempi al limite, anche in questo caso, sottoponendosi all’operazione subito dopo il test di Jerez a novembre. Troppo rischioso rimettersi in moto, ma il campione indiscusso della MotoGP si allena costantemente in palestra. Primo obiettivo riacquistare flessibilità e muscoli all’arto destro, visibilmente meno tonico in un video delle ultime ore postato sui social.

In casa Repsol Honda c’è massima attenzione per vedere all’opera la RC213V 2020 che a Sepang sarà in versione quasi definitiva. La raccolta dati inizierà già a partire da domani sul circuito di Jerez, dove sarà in pista Stefan Bradl. Da questo punto di vista HRC gioca d’anticipo rispetto agli altri costruttori. Occhi puntati in pista ma anche al cielo, dal momento che sul circuito andaluso è prevista pioggia per mercoledì. Alex Marquez inizierà il lavoro in sella al prototipo 2020 già durante lo shakedown e beneficerà di ben sei giorni utili per trovare la confidenza con una moto non certo facile da guidare.

Se fino allo scorso anno Honda ha puntato l’attenzione sul motore, dalla scorsa estate i tecnici giapponesi stanno studiando un nuovo telaio. Lo scopo è provare a rendere più facile la guidabilità di una RC213V che al momento riesce “facile” solo a Marc Marquez. Nella stagione MotoGP 2019 Cal Crutchlow ha lamentato non pochi problemi all’avantreno, soprattutto in fase di ingresso curva. Il Cabroncito ha una specifica priorità: ridurre i gradi di inclinazione in percorrenza curva. Ma solo a patto di nulla togliere alla potenza di un prototipo vincente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Iannone

Andrea Iannone: “L’Aprilia RS-GP meglio di una notte d’amore”

tony arbolino moto3

Tony Arbolino: “Sensazione particolare quando corro, mi sento forte”

MotoGP, Fabio Quartararo: “19 Gran Premi di fila perfetti per me”