MotoGP, Andrea Iannone

MotoGP, Guidotti: “Sproporzionata la pena di Andrea Iannone”

Nel paddock MotoGP a Valencia tiene banco la sentenza su Andrea Iannone a 4 anni. Francesco Guidotti: "Pena sproporzionata, doccia fredda per lo sport".

12 novembre 2020 - 12:33

Nel paddock MotoGP di Valencia tiene banco la notizia della squalifica di 4 anni per Andrea Iannone. Il team Aprilia ha effettuato ieri un  giro di pista a piedi per confermare l’unità della squadra e la vicinanza al pilota di Vasto, dopo averlo contattato in videochiamata. La sentenza del Tas è irreversibile e intanto Aprilia è costretta nel difficilissimi compito di trovare un sostituto per il 2021.

Prevale il lato umano fra le scuderie della MotoGP, specie da parte di Ducati, con cui Andrea Iannone ha condiviso quattro anni. “Una doccia fredda per tutti – commenta Francesco Guidotti a Sky Sport MotoGP -, una sentenza che penalizza lo sport, sproporzionata a quella che è stata eventualmente la colpa di Andrea. La prima sentenza era chiara, non c’era responsabilità. Il doping va condannato, nessuno lo mette in dubbio. La seconda sentenza è davvero grottesca, mette in ginocchio un pilota e una persona che di questo sport ne ha fatto una ragione di vita“.

Aprilia cerca il sostituto di Iannone

La casa di Noale è alla disperata ricerca di un secondo pilota da affiancare ad Aleix Espargarò. Marco Bezzecchi resterà in Moto2, Jorge Lorenzo si è offerto solo come collaudatore. La priorità resta Andrea Dovizioso, ma senza un progetto solido preferisce restare in attesa. Il vicecampione MotoGP lascerà Ducati dopo Portimao e per Aprilia inizia una faticosa opera di convincimento. “Tecnicamente è un pilota di riferimento – ha proseguito Francesco Guidotti -. Tanti anni in Ducati hanno aumentato il suo bagaglio di esperienza già importante venendo già da Honda e Ducati. Sarebbe importante per Aprilia che deve progredire anche in tempi brevi“.

In Pramac arriveranno due nuovi piloti: Jorge Martin e Johann Zarco. “Sono due ragazzi diversi. Uno è un rookie, parla molto bene l’italiano e questo è un qualcosa in più. L’altro è un francese romantico“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi in Argentina

Valentino Rossi: “Diego Armando Maradona nell’elite di tutti gli sport”

moto2 moto3 jerez

Moto2-Moto3, la stagione 2021 è già cominciata con i primi test

MotoGP, Joan Mir champion 2020

MotoGP, Joan Mir: “Ho soffiato il podio n°200 a Valentino Rossi”