jorge martin motogp

MotoGP GP Stiria: Capolavoro di Jorge Martín, è ancora Ducati in Stiria

Jorge Martín magistrale al Red Bull Ring, primo trionfo e Ducati di nuovo in alto in Austria. Sul podio Joan Mir e Fabio Quartararo, 10° Dani Pedrosa.

8 agosto 2021 - 15:25

Una gara ricca di eventi, una prima volta da sogno, una Ducati che allunga il suo regno al Red Bull Ring. Ma con il rookie Jorge Martín, che dopo la pole position realizza una “gara 2” (post bandiera rossa) memorabile al suo sesto GP MotoGP (ricordiamo l’importante infortunio). Nel giorno della disfatta del team factory ci pensa Pramac a portare in alto il marchio di Borgo Panigale ed in maniera magistrale: si tratta infatti della prima vittoria della squadra! Joan Mir riparte sul secondo gradino del podio, terza posizione finale per il leader iridato Fabio Quartararo, che allunga parecchio con tutti i principali rivali dietro di lui… Da rimarcare la 10^ piazza finale della wild card Dani Pedrosa dopo il brivido in Gara 1. La cronaca del Gran Premio di Stiria.

Le gomme

Gara dichiarata asciutta, com’è prevalentemente la pista, tolta qualche chiazza ancora umida. Ecco tutte le scelte in materia di pneumatici per questa corsa.

Gara 1, si parte… Fino alla bandiera rossa

Si impenna Martín al via, ne approfitta Bagnaia, ecco Mir in terza piazza davanti a Quartararo e Marc Márquez, anche lui impennatosi in partenza, a cui segue un contatto con Aleix Espargaró alla prima curva. Un motivo di discussione che continuerà anche in seguito tra i due… Ricordiamo le difficoltà di un Oliveira in azione nonostante una fessura al polso destro, conseguenza del botto nelle FP1. Dopo pochi giri però si verifica un incidente alla curva 3 tra Pedrosa (12°, scivolato ed evitato da chi seguiva) e Savadori (molto più indietro, ma finito contro la KTM #26), con tanto di fiamme in pista! Inevitabile la bandiera rossa per sistemare il tracciato, la bella notizia è che i due piloti stanno bene. Una lunga pausa, si riprenderà in seguito con una veloce procedura di partenza e dalle posizioni originarie, con 27 giri da completare.

Gara 2, si riparte

Da Aprilia informano che Savadori sta complessivamente bene, ma i controlli precauzionali continuano e non prende parte alla corsa. In griglia invece Pedrosa con la seconda moto. Problemi per Viñales, la sua M1 si ferma in griglia prima del warm up lap: torna al box ed è costretto a scattare dalla pit lane. Al via stavolta si impenna Bagnaia, mentre Martín, Miller e Mir scattano perfettamente. Ma c’è anche la replica del contatto Márquez-Espargaró… Prima di un errore in solitaria del campione MotoGP, con un bel lungo. Doppio zero in casa Aprilia, si ferma Aleix Espargaró, che appare piuttosto dolorante, mentre Bagnaia scivola sempre più indietro… Arrivano poi Long Lap Penalty per Viñales, Bastianini e Pol Espargaró, mentre in testa Martín e Mir hanno ormai preso il largo, seguiti a distanza dal trio Quartararo-Miller-Zarco e via via da tutti gli altri.

Peccato per Oliveira, che stava stringendo i denti in top ten, ma è costretto al ritiro da un problema: mancava un pezzo alla gomma anteriore, come viene comunicato da motogp.com. Dieci giri alla fine e Miller vola nella ghiaia della curva 7: addio al podio, alla gara ed alle speranze di rimonta… Non benissimo nemmeno per Bagnaia, sempre in difficoltà ed anche sanzionato alla fine con 3 secondi di penalità. Ringraziano Alex Márquez e soprattutto Dani Pedrosa, che agguanta così la top ten. Intoccabile invece Jorge Martín, una gara magistrale per il rookie Pramac Racing che trionfa per la prima volta in MotoGP! Joan Mir si ‘accontenta’ della seconda posizione, terza piazza per il leader iridato Fabio Quartararo.

La classifica 

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Enea Bastianini e Ruben Xaus

MotoGP, il budget fa il gap: Enea Bastianini stile Robin Hood

MotoGP, Marc Marquez a Misano

MotoGP, Honda-revolution: Marquez apre la strada, Espargarò in bilico

Superbike, Toprak Razgatlioglu

MotoGP, Toprak Razgatlioglu pronto per un test con la Yamaha