MotoGP, Andrea Dovizioso ad Aragon

MotoGP, gelo Petrucci-Dovizioso: Ducati prova a intervenire

Resta il gelo tra Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci dopo il Q1 di Aragon. Ducati prova a intervenire: "Un bel rapporto non può finire così".

23 ottobre 2020 - 9:55

Nel box Ducati c’è ancora aria tesa fra Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso. All’indomani di quanto accaduto nelle qualifiche MotoGP di sabato scorso, tra i due amici non c’è stato l’atteso chiarimento. Né sul volo di ritorno che li ha riportati in Italia domenica sera, né durante i giorni seguenti, né ieri, quando con Paolo Ciabatti sono volati a Saragozza. Le dichiarazioni alla stampa del forlivese erano abbastanza chiare, non c’era bisogno di altre parole. Petrux ha accusato il colpo, soprattutto dal punto di vista umano.

La versione di Petrux

Dal prossimo anno le loro strade si divideranno, ma fino a pochi mesi fa sembrava inedita la favola dei due compagni di box che si allenavano insieme, abitavano a poca distanza e che frequentavano gli stessi amici nel tempo libero. Ma nessuno scontro politico nel box Ducati, non dovrebbero sorgere ulteriori problemi. Salvo sorprese. “Eravamo entrambi stanchi dopo la gara, ma è tutto chiaro“, ha spiegato Danilo Petrucci. “La relazione con Andrea è cosa nostra. Sappiamo cos’è successo ed è inutile parlare di un episodio passato. Cercheremo di fare meglio in futuro. Lui ha la sua idea e io la mia. Siamo in una fase calda e rivangare l’episodio penso non faccia bene soprattutto ad Andrea“.

Resta il gelo tra i due (ex) amici della MotoGP. D’altronde il motociclismo è uno sport individuale, egoista. Ma nessuno avrebbe pensato ad una semi-rottura della loro amicizia per un episodio simile. “Io non devo chiarire o fare niente – ha aggiunto Petrux come riporta ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Non c’è nessun problema, quel che è fatto è fatto, io resto della mia idea, ognuno si comporta nel modo che ritiene migliore e decide per se stesso“.

L’intervento Ducati

A questo punto saranno i vertici Ducati a dover mettere le cose in chiaro. In ballo c’è un titolo mondiale che è ancora possibile, con Andrea Dovizioso a -15 dalla vetta. “È un incidente di percorso, non credo che un bel rapporto possa finire per una cosa così – ha affermato Paolo Ciabatti -. Andrea è una persona intelligente e razionale e non porta rancore, ma proprio per questo è giusto che si chiudano in una stanza. Poi magari ognuno resterà della sua posizione, ma non si può far finta che non sia successo nulla“. Ma per il momento nessun ordine di scuderia, almeno ufficialmente.

1 commento

fabu
13:41, 23 ottobre 2020

ho sempre avuto ammirazione per il Dovi, le sue vittorie all’ultima curva contro il #93 mi hanno fatto palpitare. capisco il momento difficile. ma in questa situazione è di una delusione estrema. ha perso la testa.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

enea bastianini moto2

Enea Bastianini, brindisi da campione con il Fan Club e l’amico Toccaceli

MotoGP, Alberto Puig

MotoGP, Marc Marquez al bivio: Honda in ansia dopo un anno deludente

MotoGP, Valentino Rossi e Alex Briggs

Alex Briggs, ultimo saluto a Valentino Rossi e alla MotoGP (o forse no)