morbidelli motogp

MotoGP: Franco Morbidelli, prove di M1 2021 e 2022 con precauzione

Pomeriggio produttivo per Franco Morbidelli a Misano. Continua il lavoro sulla M1 2021, primo contatto anche con la versione 2022, ma salvaguardando la gamba.

21 settembre 2021 - 18:52

A referto il primo giorno di test a Misano. Franco Morbidelli ha completato 32 giri in totale nel pomeriggio a Misano (dopo una mattina ai box), piazzando il 18° crono finale. Continua il lavoro di adattamento alla M1 2021 conosciuta solamente lo scorso weekend, ma c’è stata anche una prima presa di contatto con il prototipo Yamaha della prossima stagione. Ma sempre con precauzione, visto che la sua gamba è ancora tutt’altro che a posto.

“Per prima cosa sono salito sulla moto del weekend con alcune modifiche che avevamo in mente e mi sono trovato subito meglio.” Franco Morbidelli inizia così il suo resoconto della prima giornata di test. “Una volta raggiunto un feeling accettabile siamo saliti subito sulla moto 2022.” Un cambio rapido per motivi fisici: “Non ho tanta autonomia, la mia gamba si irrigidisce abbastanza in fretta.” In ogni caso, a referto una primissima comparazione tra le due moto. “Ci sono delle differenze, ma al momento è difficile da spiegare e non sono troppo sicuro: ho realizzato pochi giri con tutt’e due. Mi serve più tempo, ma alla fine sono è stato positivo per capire la direzione che stiamo seguendo.”

Gamba ancora ‘legata’

Sottolineando anche che “Uno degli obiettivi sarebbe migliorare in top speed, vedremo se ci riusciremo.” Test però volti anche a non forzare troppo a livello fisico. “Abbiamo cercato di salvaguardare la gamba per riuscire a girare anche domani.” Spiegando poi i problemi attuali. “Sono molto legato alla muscolatura posteriore della gamba, ovvero al polpaccio ed ai flessori. Essendo stato fermo per molto tempo la massa muscolare è scesa, è quasi nulla, poi con un’operazione che ha indebolito il flessore accuso maggiore difficoltà. Prima di Misano non avevo neanche mobilità, siamo arrivati appena riacquistata in maniera accettabile.”

Insomma, serve lavorare ancora un bel po’ per tornare ad una condizione di forma ottimale. Non manca infine un commento anche sul suo nuovo capotecnico da qui fino a fine stagione. “Sono contento di lavorare con Silvano [Galbusera], anche lui è un capotecnico eccellente e di grande esperienza. Posso dire che in questo senso sono sempre stato molto fortunato nella mia carriera.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Yamaha Racing

1 commento

Max75BA
21:11, 21 settembre 2021

Mi auguro una bella sfida per il titolo 2022 tra Morbidelli e Bagnaia…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi e Francesca Novello a Misano

Francesca Novello e il primo incontro con Valentino Rossi: “Che figo!”

MotoGP, Pecco Bagnaia a Misano

MotoGP, Ducati KO a Misano: la maledizione della curva 15

casadei torres motoe

MotoE 2022: Mattia Casadei in Pons Racing col campione Torres