MotoGP, Franco Morbidelli in Qatar

MotoGP, Franco Morbidelli: il “piccolo Davide” sfida “il gigante Golia”

Franco Morbidelli chiude i test MotoGP a Losail con fiducia, ma la sua Yamaha M1 non ha subito nessuna evoluzione in quanto moto 'spec-A'.

13 marzo 2021 - 8:39

La sabbia di Losail arena l’ultimo scampolo di preseason MotoGP. Per Franco Morbidelli cambia poco o nulla, dal momento che sulla sua Yamaha M1 non c’è evoluzione, ma solo piccoli aggiornamenti. Il vicecampione Petronas ha ripreso il suo feeling ottimale in sella dopo una splendida stagione 2020 ed è pronto per la prima gara. “Abbiamo fatto tutto quello che volevamo. Venerdì le condizioni erano difficili e difficili, quindi abbiamo deciso di rimanere ai box. Ma sono sicuro che possiamo lottare per le prime posizioni nel weekend di gara. In questo momento mi sento pronto e pieno di energia. Vorrei iniziare subito“.

Un satellite contro i “big factory”

Bisognerà attendere quasi due settimane prima di ritornare in pista per le prove libere. In video conferenza aveva quasi fretta di chiudere, ma il pressing dei media è incalzante. Yamaha è riuscita a risolvere i suoi problemi nella pausa invernale? “Penso che siamo sulla strada giusta. È stato relativamente facile migliorare. Penso anche che il lavoro che abbiamo fatto qui avrà un impatto positivo su altre piste“. Nessun nuovo telaio per Franco Morbidelli, né la nuova carena aerodinamica, che ha comunque lasciato qualche riserva. Nella prossima stagione MotoGP cambia poco per l’allievo della VR46 Academy, quantomeno a livello tecnico. Una situazione che mal digerisce, ma non si può cambiare per il momento.

Serve un’altra stagione ad alti livelli prima di bussare alle porte di Iwata per il 2020. Ammesso che Petronas SRT rinnovi il contratto con l’attuale costruttore. Per Franky l’attenzione è puntata solo alle corse… e alle Ducati che hanno saputo migliorare la top speed pur con il congelamento dei motori. Johann Zarco ha segnato un nuovo record assoluto di velocità in 357, 6 km/h. Jack Miller ha stabilito il nuovo record del tracciato qatariota. “I tempi sono impressionanti e la velocità sui rettilinei è stata forte. Jack ha concluso la preseason con un buon ritmo e sono certo che sia uno dei contendenti al titolo“. Inevitabile una battura sul mentore Valentino Rossi con cui ha condiviso il box per la prima volta. “Mi piace uscire con lui. Ci conosciamo da quando ero bambino. Ovviamente anche noi siamo avversari, ma alla fine è bello uscire con gli amici“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
17:59, 13 marzo 2021

Tu sfidalo … vedremo quel che ne uscirà ! Ti stimo, Fratello !

POTRESTI ESSERTI PERSO:

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: “Zarco un riferimento nell’ultimo settore”

marc marquez motogp

MotoGP, Marc Márquez: “Che sorpresa il 6° posto, mi vedevo lento!”

Moto2 GP Portimao, Prove 2: Joe Roberts si conferma, 5° Bezzecchi