morbidelli motogp

MotoGP, Franco Morbidelli: “Cerco di far andare forte il passato”

Franco Morbidelli in top 5 nel venerdì a Jerez, e senza time attack. "Un buon punto di partenza." Ma ricorda di avere pur sempre una M1 2019...

30 aprile 2021 - 19:00

Dopo un difficile avvio di stagione, sta tornando nelle zone alte della classifica. Franco Morbidelli ha iniziato la tappa a Jerez chiudendo la prima giornata in top 5, questo nonostante nessun time attack. Il pilota Petronas SRT è soddisfatto di questo inizio, ma con moderazione, visto che si tratta delle prime due sessioni di prove libere. La pista sembra adattarsi meglio alla sua Yamaha ed il passo mostrato in questo primo giorno non è male. Pur prendendola con filosofia, l’ex iridato Moto2 ricorda di avere pur sempre una M1 2019 per questa stagione MotoGP… “La regolarità dovrà essere la mia forza.”

Per quanto riguarda questo venerdì di libere, “La moto si sta comportando molto bene. Il ritmo con le gomme medie è davvero buono. Certo dobbiamo lavorare ancora, ma il punto di partenza non è male” ha sottolineato Franco Morbidelli. “Jerez comunque è un circuito differente, con meno rettilinei, o se non altro sono un po’ più corti. Presenta poi un layout che sembra adattarsi molto bene alla nostra moto, con curve lunghe e fluide che piacciono alla M1.” Parlando del passo, “Mi sembra che il mio e quello di Aleix siano stati i migliori oggi. Anzi, forse il mio è leggermente più lento del suo. È positivo essere entrato in top 5 senza time attack, ma è solo venerdì e non si prendono punti…”

Quando gli si chiede se si sta rivedendo il Morbidelli dell’anno scorso, il pilota non ha dubbi. “No, c’è uno svantaggio veramente grande in rettilineo.” Ricordando in particolare che “La moto è quella del 2019. È normale che le altre case ed anche la mia siano andate avanti. Penso ad una gara alla volta, qui la moto si guida molto bene e si riesce a compensare quello che si perde sul dritto.” La sua in effetti è la moto meno aggiornata in griglia MotoGP. “Non c’è nessuno che guidi la mia moto, né qualcuno che abbia una moto del 2019. Sono una mosca bianca: vivo nel passato, e cerco di far andare forte il passato nel presente.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jack Miller sulla Ducati GP21

MotoGP, holeshot Ducati: nessuno provi a vietarlo!

bestia martin maro sava motogp

MotoGP, rookie a confronto: Bastianini, Martín, Marini e Savadori dopo 4 GP

MotoGP, Pecco Bagnaia e Luca Marini

MotoGP, ‘arm pump’: i commenti della VR46 Academy