MotoGP, Francesco Guidotti

MotoGP, Francesco Guidotti: “Basta un nulla per sbagliare tutto”

Francesco Guidotti parla delle condizioni estreme della pista nel week-end MotoGP a Le Mans. Sorpresa Lorenzo Savadori nelle Prove Libere 1.

14 maggio 2021 - 13:33

Il week-end di MotoGP in Francia si è aperto secondo le previsioni meteo. Pioggia sottile, condizioni di semi-bagnato, pochi minuti per sfruttare l’asciutto, ancora bagnato nel finale. Difficile pianificare una strategia per team e piloti, anche a breve termine. A Jack MIller il merito di aver azzardato le gomme slick, trovando la breve finestra giusta per l’azzardo.

Strategia e ritorno di Jorge Martin

Cosa aspettarsi nel pomeriggio e durante le FP2 di MotoGP? “Le previsioni fino alle 16:00 non portano pioggia, il turno forse lo facciamo con più metodo – spiega Francesco Guidotti, team manager Pramac Racing -. Partire all’attacco potrebbe essere una strategia, ma bruciare una morbida è un po’ un azzardo, perché devi aggiustare prima il set-up e prendere un po’ di ritmo“. Al mattino 2° crono per Johann Zarco, penultimo Tito Rabat che sostituisce Jorge Martin, ancora in fase di recupero. “Jorge ci manca, tiene su l’ambiente, sta migliorando, lavora tantissimo. Ci vuole ancora qualche giorno per capire se potrà essere al Mugello“.

Difficile fare previsioni per la gara di MotoGP in programma domenica. “Con le quattro gare i primi sette piloti sono arrivati in una manciata di secondi – ricorda Francesco Guidotti -. Con una variabilità di meteo tale i valori in campo sono sempre gli stessi e i rischi di sbagliare ancora di più. Jack ha fatto un lavoro eccezionale, ma ha beccato l’unica finestra utile per sfruttare le slick. Basta un nulla per sbagliare tutto. Difficile fare previsioni“.

Sorpresa in casa Aprilia

Nel venerdì di prove libere brilla Lorenzo Savadori che ottiene un ottimo 6° crono nelle FP1. “Turno positivo, ho bisogno di un po’ di tempo per abituarmi a questa categoria e a queste gomme. Mi serve tempo per avvicinarmi alla vetta. La spalla sta meglio, già a Portimao mi sentivo meglio“, commenta il pilota Aprilia. Nelle scorse settimane è volato a Jerez con Andrea Dovizioso per seguire il suo primo test MotoGP con la RS-GP21. “Con Andrea c’è un bel rapporto, è una grande campione, devo cercare di imparare da lui. Sono felice che stia facendo test con Aprilia, può aiutare me e Aprilia a crescere“.

Sebbene Lorenzo Savadori abbiamo gareggiato nelle ultime tre gare della stagione MotoGP 2020 è da ritenersi ancora un debuttante. “L’esperienza è buttarsi nella mischia, aprire i gomiti e cercare di stare con loro. Avevamo questa opportunità e dovevamo coglierla. In pochi decimi ci sono tanti piloti, bisogna conviverci e migliorare step by step, almeno nella prima parte di stagione l’obiettivo è fare chilometri“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco

alex rins motogp

MotoGP: Alex Rins è diventato papà, ecco arrivato il piccolo Lucas

voight agius cev moto3

Moto3, Paolo Simoncelli conferma Voight e Agius per il CEV 2022