MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Vorrei vedere i dati di Jorge Lorenzo”

Fabio Quartararo interessato alla telemetria di Jorge Lorenzo. Il francese e Yamaha puntano a scrivere pagine iridate nella MotoGP.

8 dicembre 2019 - 14:31

Fabio Quartararo può essere il futuro di casa Yamaha nella classe MotoGP. Negli ultimi 15 anni la scuderia di Iwata ha collezionato 7 titoli mondiali, 4 con Valentino Rossi (2004, 2005, 2008, 2009), 3 con Jorge Lorenzo (2010, 2012, 2015). La M1 ereditata nella stagione 2017 da Viñales e dal Dottore era in gran parte progettata sullo stile di guida del maiorchino. Forse non è una coincidenza se le vittorie e i titoli sono venuti a mancare dopo il suo cambio di livrea.

Al di là degli eventuali e imprevedibili scenari di mercato, Yamaha sa di non potersi farsi scappare il pilota francese. Nel suo primo anno da rookie non solo ha saputo colmare le lacune tecniche della moto, ma ha saputo fungere da stimolo per tutti gli altri piloti della casa. Ha superato Valentino Rossi in classifica finale, chiuso a -19 dalla punta di diamante Viñales, meritandosi una M1 ufficiale per il 2020. Per la prima volta nella storia ci saranno quattro prototipi simili, merito anche degli investimenti del gruppo malese Petronas.

Quinto posto con 192 punti, miglior rookie della MotoGP, miglior pilota satellite del 2019. Il francese ha impressionato tutti con sei pole position e sette podi. Viene spontaneo il paragone con Jorge Lorenzo, sebbene Fabio Quartararo non possa vantare nessun titolo nelle classi inferiori. Ma qualcosa li accomuna nello stile di guida, quella guida felpata in percorrenza di curva, tanto da desiderare di dare un’occhiata ai vecchi dati della telemetria. Quest’anno gli è stato negato, “ma sarei interessato a dare un’occhiata. Solo per confrontare e vedere dove frenava, come guidava in curva“.

Il 20enne di Cannes ha tutti i numero dalla sua parte, non resta che gestire la pressione quando l’ambiente esterno inizierà ad esigere i risultati. A Jerez ha provato l’ultima specifica di motore, ha avanzato qualche riserva in termini di top speed. Ma già nella prima stagione in MotoGP ha dimostrato che la potenza non è tutto. La YZR-M1 ha altri punti di forza su cui far leva, Fabio Quartararo invece può contare su uno stile di guida in grado di stressare meno le gomme. “Guido più dolce per natura, ma posso essere aggressivo con questa moto, ma anche in quel caso sono più soft“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Iker Lecuona MotoGP

Iker Lecuona: “Siamo sempre infortunati, ma fa parte della nostra vita”

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco apre al mercato: “Non chiudo le porte a nessuno”

MotoGP, Marc Marquez e Valentino Rossi

MotoGP, Marc Marquez: “Valentino Rossi meglio di Casey Stoner”