MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Voglio provare il motore 2020”

Fabio Quartararo nel test MotoGP di Valencia ha provato il forcellone in carbonio e nuove ali. Ma a Jerez potrà finalmente lavore con il nuovo motore 2020.

22 novembre 2019 - 18:50

Fabio Quartararo chiude da protagonista il test MotoGP di Valencia in attesa di provare la nuova Yamaha M1 2020. Dal prossimo anno disporrà di una moto ufficiale alla pari di Franco Morbidelli, ma ancora non ha provato il nuovo motore. Primo nel day-1, secondo nel day-1 dei test IRTA al Ricardo Tormo, ma freme per salire in sella al prototipo del 2020. A Jerez forse proverà il quattro cilindri ‘model year’ 2020 e potrà rilasciare il suo personale feedback prima della pausa invernale.

Nel Mondiale 2019 ha dimostrato che con il suo stile di guida è possibile colmare certe lacune, in particolar modo sul giro secco. In più di una occasione ha dovuto però cedere il passo allo strapotere del propulsore Honda. A Valencia ha lavorato su alcune novità “secondarie”, a cominciare dalle ali e dal forcellone in carbonio. “Abbiamo fatto molti confronti tra alluminio e carbonio – ha spiegato Fabio Quartararo -. È stato positivo perché abbiamo capito quali fossero gli aspetti positivi e negativi di tutte le parti che abbiamo provato“. La valutazione finale sul forcellone in carbonio non è del tutto positiva, segno che resta ancora una componente da migliorare: “È vero che ho avuto un buon feeling, ma ci manca molta spinta“.

Nella seconda giornata il miglior rookie MotoGP aveva ben pochi aggiornamenti da testare, salvo differenti impostazioni. L’attesa è tutta focalizzata sulla specifica del motore che dovrebbe garantire qualche km/h in più sui rettilinei. “Dobbiamo lavorare su questo per il prossimo anno. Ma sembra che la M1 2020 di Maverick sia molto più veloce. Non vedo l’ora di provare anche questa moto“. Lunedì a Jerez proverà finalmente la terza evoluzione del quattro cilindri in linea di Iwata. E Yamaha attende il riscontro della sua futura punta di diamante…

1 commento

KARAMELLA
10:11, 23 novembre 2019

Benissimo così vedremo lottare per lo SPETTACOLO sarà molto meglio

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati