fabio quartararo motogp

MotoGP, Fabio Quartararo salva la Yamaha al Sachsenring

Fabio Quartararo 3° nel GP di Germania. Su una pista che non gli piace, ma che lascia dopo aver consolidato la sua leadership MotoGP, ed in Yamaha.

20 giugno 2021 - 21:10

Senza Fabio Quartararo, potremmo tranquillamente parlare di disastro Yamaha in terra tedesca. Scorrendo la classifica, il migliore degli altri è Valentino Rossi 14° a 22 secondi dal vincitore, per avere poi Franco Morbidelli e Maverick Viñales in coda. L’attuale leader MotoGP invece ha messo a referto un terzo posto molto prezioso, che gli permette di allungare sui diretti rivali in classifica generale. Anche se ammette di non aver avuto il giusto feeling in sella alla M1 nel corso della gara. E meno male…

“Avevo già detto chiaramente che sarebbe stato molto difficile lottare per vittoria” ha sottolineato l’alfiere Monster Yamaha a gara conclusa. “Marc e Miguel erano davvero molto veloci, avevano qualcosa in più questo weekend.” L’obiettivo in ogni caso era ben chiaro. “Puntavamo al podio, o almeno a stare davanti alle Ducati.” Tutte dietro di lui in questo evento al Sachsenring. Seppur andato meglio di quanto si aspettasse, non è del tutto soddisfatto. “Terzo su un circuito che non mi piace, credo sia la mia prima top 8! Ma non avevamo il giusto feeling in gara. Anzi, direi che è stato molto strano sia all’anteriore che al posteriore.” Un Quartararo con un’attitudine diversa.

“Ho dato il massimo per salire sul podio, bisogna fare così per stare davanti!” Anche se non abbastanza per raggiungere Márquez ed Oliveira. “Una volta avrei spinto al massimo. Stavolta ho pensato di più, ho imparato a stare calmo. Per il campionato servono podi e vittorie, ma non è il momento di pensarci. Andrò ad Assen senza guardare dove sono Zarco o gli altri.” Non manca un commento su Marc Márquez. “Penso che con questa vittoria abbia guadagnato molta fiducia. Ok che il circuito l’ha aiutato coi suoi problemi alla spalla, ma certo bisogna tenerlo d’occhio.” Non solo lui. “Sono davvero contento che Miguel non abbia iniziato bene la stagione!” ha scherzato.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

1 commento

FRA 1988
0:02, 21 giugno 2021

Quartararo è il riferimento e non ha rivalità interna dato che Vinales naviga in una crisi profondissima. Un gran vantaggio considerando che in Ducati si rubano punti a vicenda. Miller e Bagnaia devono darsi una mossa o avranno molti rimpianti in questa annata.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: una sola speranza per il ritorno

MotoGP, Zeelenberg-Razali-Stigefelt

MotoGP, Valentino Rossi e Franco Morbidelli “rimandati” al II semestre

Superbike, Jonathan Rea ad Assen

Superbike, Jonathan Rea apre al sogno MotoGP: “Mai dire mai”