Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Rookie dell’anno, ma non c’è fretta”

Fabio Quartararo a Motegi può confermarsi già rookie of the year 2019. Ma gli obiettivi del francese possono essere molto più ambiziosi.

15 ottobre 2019 - 15:14

Fabio Quartararo ha superato di gran lunga le aspettative del team Petronas SRT. Settimo in classifica MotoGP a quota 143 punti, nelle restanti quattro gare potrebbe persino dare l’assalto al terzo posto, distante appena 24 punti. Ma a Motegi il primo obiettivo è incassare definitivamente il titolo di ‘Rookie of the Year’ 2019. Il debuttante diretto inseguitore è Joan Mir a -85 punti: basterà chiudere il prossimo week-end con un distacco di almeno 75 punti. Come miglior pilota di un team indipendente dovrà invece vedersela con Jack Miller, che lo insegue in classifica a -23 punti.

Dopo la seconda posizione suggellata al Buriram, dove per la seconda volta ha sfiorato la prima vittoria in MotoGP, Fabio Quartararo non è rientrato nel Vecchio Continente. Ha alternato relax e allenamenti a Bali, insieme ad altri membri del team. Già in Thailandia ha potuto contare su un motore sempre più simile a quello dei piloti factory, con i 500 giri in più che gli mancavano. Probabilmente il francese, dopo il trionfo mondiale di Marc Marquez, è il pilota con maggiori stimoli e più in forma del momento. Punterà a mettere la ciliegina sulla torta della stagione 2019 con una vittoria. E, con un pizzico di fortuna, può giocarsela per il podio iridato.

Due podi nelle ultime tre gare, al momento è il pilota Yamaha che riesce a sfruttare meglio degli altri il potenziale della M1. “Continueremo a lavorare come abbiamo fatto nelle ultime settimane, proveremo a cercare una buona posizione e puntare al podio. Ovviamente stiamo anche tenendo d’occhio il titolo di rookie dell’anno. Motegi è il primo posto in cui può essere vinto, ma non c’è nessuna fretta. Abbiamo visto che Marc [Marquez] è stato molto veloce a Motegi in passato, ma è anche un circuito in cui sono stato molto forte l’anno scorso. Sicuramente – ha concluso Fabio Quartararo – sarà fantastico poter guidare una MotoGP qui“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

fenati test privati jerez

Moto2-Moto3: La pioggia pone fine ai test a Jerez

Andrea Iannone a Valencia

MotoGP, Andrea Iannone spegne l’incendio: “Giri motore troppo alti”

Alberto Puig team manager HRC

Puig: “Alex Marquez alto, eravamo abituati a Dani Pedrosa”