Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo… lunga vita a Monster e Yamaha

Fabio Quartararo e Monster Energy firmano un contratto di sponsorizzazione. Yamaha e Petronas gli promettono una moto factory già dal 2020.

2 ottobre 2019 - 9:13

Fabio Quartararo sulle orme di Marc Márquez. Non ha vinto il Mondiale nella stagione d’esordio in MotoGP, ma da subito si è adattato alla classe regina. In sella ad una M1 satellite, con le dovute pecche e priva degli ultimi aggiornamenti factory, potrebbe insidiare il terzo posto in classifica. Tre pole position e quattro podi, quanto basta per guadagnarsi un contratto a lungo termine con lo sponsor Monster Energy.

La sua seconda posizione in griglia ad Aragón è stata la sua ottava apparizione in prima fila. Con 123 punti, il pilota della Petronas Yamaha è al sesto posto nel Mondiale, a soli 14 punti da Valentino Rossi. Non solo si è quasi assicurato il titolo di rookie of the year, ma potrebbe persino attestarsi come miglior pilota di una squadra clienti, con 6 punti di vantaggio su Jack Miller. Per mettere la ciliegina sulla torta ad una stagione da incorniciare manca solo la vittoria, sfiorata per un soffio a Misano.

A soli 20 anni di età ha un promettente futuro davanti a sé, Yamaha e Petronas stanno cercando di accontentare le sue richieste per la prossima stagione. E nel caso di addio di Valentino Rossi alla fine del prossimo campionato potrebbe essere il suo naturale erede. Per questo motivo Red Bull pare abbia interrotto le trattative: sarà difficile vedere Fabio Quartararo in Honda o comunque lontano dalla Yamaha sponsorizzata Monster. Per il momento continua a primeggiare il suo sponsor personale AMV, ma dal prossimo anno il logo Monster comparirà in bella vista. Per il francese è un momento di piena forma!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati