quartararo motogp

MotoGP, Fabio Quartararo: “Lavoro per essere il grande rivale di Marc Márquez”

Fabio Quartararo si appresta a vivere il primo anno da pilota Yamaha factory. E su Viñales: "Sarà il maggior rivale, ma prima dobbiamo migliorare la moto."

15 febbraio 2021 - 19:00

Nuovo casco, nuovo team, rinnovata motivazione. Fabio Quartararo si appresta ad affrontare un’annata tutt’altro che semplice: ora è uno dei piloti di punta di Monster Energy Yamaha MotoGP, assieme a Maverick Viñales. Una sfida importante non solo a livello tecnico, ma anche a livello mentale, in particolare nella gestione della pressione. Fondamentale anche per il fatto che eredita la sella occupata fino all’anno scorso dal suo idolo d’infanzia, Valentino Rossi. Ma, come ha sottolineato anche Lin Jarvis durante la presentazione, “Ora parliamo della sua moto, comincia il suo periodo nel team ufficiale.”

Come detto, il pilota francese approda in una nuova squadra ed avrà accanto un differente compagno di box. “È la sua settima stagione MotoGP in un team ufficiale” ha sottolineato, come riportato dai colleghi di motosan.es, riferendosi a Maverick Viñales. “La quinta con Yamaha. Ma non è poi così male avere vicino qualcuno che ti spinge al limite, credo che in questo modo si impari di più.” Guarda anche a due illustri predecessori. “Spero che io e lui formeremo un team simile a quello all’epoca di Valentino e Lorenzo, che hanno lottato per il titolo fino all’ultima gara. E mi auguro di imitare il vincitore Lorenzo.”

Primo e secondo pilota nel team? Al momento proprio no. “Non ci sono un pilota numero 1 e numero 2” ha precisato Quartararo. “Abbiamo le nostre opinioni, ma un’idea in comune: lavorare insieme per migliorare la moto ed arrivare poi a lottare l’uno contro l’altro. Intanto però dobbiamo pensare ad arrivare in Qatar con il miglior mezzo possibile. L’anno scorso abbiamo avuto gli stessi problemi: chiaro che Maverick sarà il primo rivale, ma insieme possiamo fare un buon lavoro.” Soprattutto lasciandosi alle spalle un 2020 complicato: “Tutti sanno dei nostri problemi. Mi è dispiaciuto non aver colto la possibilità di vincere, ma non sono frustrato: ho imparato molto.”

Si augura anche il pronto ritorno del maggior protagonista degli ultimi anni. “Credo che parte del mio successo sia dovuto a lui” ha dichiarato Quartararo, spiegandone il motivo. “Quando hai Marc davanti o subito dietro in pista, inconsciamente pensi ‘Diamine, è un ragazzo che ha dominato negli ultimi anni, spero di lottare con lui’. Averlo vicino mi ha portato a spingere per superare i miei limiti. Sto lavorando molto per essere il suo grande rivale.” Oltre all’aspetto mentale. “Ho visto uno psicologo durante l’inverno, tornerò da lui prima dell’inizio del Mondiale. Mi aiuta a stare calmo. L’anno scorso davo troppa attenzione ad altre cose invece di pensare al mio lavoro.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
18:04, 16 febbraio 2021

Se non maturi oggi stesso MM lo vedi quando arriva …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pecco Bagnaia e Luca Marini

MotoGP, ‘arm pump’: i commenti della VR46 Academy

MotoGP, Joan Mir

Joan Mir: “Valentino Rossi resterà legato al mondo della MotoGP”

MotoGP, Pol Espargaro a Jerez

MotoGP, crisi Honda: Marc Marquez in salita, Pol Espargarò in picchiata