MotoGP, Enea Bastianini

MotoGP, Enea Bastianini: “DNA Ducati, ma questa moto è molto più forte”

Enea Bastianini soddisfatto dopo il test MotoGP di Jerez. La Ducati GP21 è competitiva ed ha un alto potenziale, ma servirà un inverno di duro allenamento.

19 novembre 2021 - 15:54

Si chiude la due giorni di test MotoGP a Jerez per Enea Bastianini, alla sua prima uscita ufficiale con il team Gresini Racing in sella alla Ducati GP21. Il romagnolo, reduce da due podi nella sua prima stagione in MotoGP, ha piazzato il 3° crono nella prima giornata. E si è affermato sempre al vertice anche nella combinata. “Sono contento una bella giornata di test ieri. Oggi c’era un bel po’ di vento, non volevo compromettere quanto abbiamo già costruito. Sono stato sempre veloce anche sul passo, abbiamo fatto piccole prove senza stravolgere, cercando di capire cosa potesse aiutarmi. Sicuramente sono stati dei test importanti, ma lo saranno di più quelli prima di febbraio in Malesia e Indonesia“.

La nuova moto è sicuramente un deciso step avanti rispetto alla versione 2019 adottata nella stagione MotoGP 2021. Enea Bastianini ha apprezzato la migliore erogazione e fluidità in percorrenza di curva. Ovviamente ha anche qualche cavallo in più da sfruttare sul rettilineo, sebbene Jerez non sia il layout ottimale per provare la top speed. “Sicuramente va meglio un po’ ovunque, sia in entrata che in uscita di curva. E’ un po’ diversa, ci ho messo due turni per capirla, però è sempre una Ducati, ha lo stesso Dna ed è molto più forte. Sono riuscito ad essere veloce anche con il vento, solitamente faticavo“.

Finora la Ducati GP21 rispecchia le sue aspettative, ma per essere all’altezza della situazione servirà un inverno di preparazione. “Me la aspettavo così, ti dà gusto guidarla. In vista di una gara è buona“, ha concluso Bastianini. “Adesso un po’ di vacanza senza esagerare, ma ci dobbiamo preparare bene se vogliamo stare là davanti“.

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022