ktm 2020

MotoGP: Ecco le nuove livree per i team KTM 2020

KTM presenta piloti e moto 2020. Livrea invariata per il team ufficiale, novità per le RC16 di Tech3. Grande fiducia in Espargaró, Binder, Oliveira e Lecuona.

18 febbraio 2020 - 19:03

Presentazione tutta virtuale per i due team KTM in MotoGP. Si rinnova il doppio impegno tra Red Bull KTM Factory e Red Bull KTM Tech3, con quattro piloti al via. Pol Espargaró avrà al suo fianco il rookie Brad Binder, mentre Miguel Oliveira condivide il box con l’esordiente Iker Lecuona. Non cambia la livrea per la squadra ufficiale, novità invece per quella Tech3, con una fascia grigia a dividere l’arancione ed il blu caratteristici per la stagione 2019.

Voglia di affermarsi sempre di più in MotoGP. Questo traspare più di tutto, assieme alla grande passione che contraddistingue chi è impegnato in questo sport, dai piloti a tutte le persone impegnate nella fabbrica austriaca. Un progetto iniziato nel 2015, portato al debutto nel 2016 con la wild card a Valencia del tester Mika Kallio, per poi entrare a tempo pieno nella categoria regina del Campionato del Mondo.

Grande fiducia in Pol Espargaró, l’uomo di punta del progetto KTM e confermatissimo anche per questa stagione. “Abbiamo vissuto momenti duri, ci sono state anche parecchie lesioni difficili da superare, ma siamo dove vogliamo. So di avere tanta pressione, ma vinciamo e perdiamo insieme, rimanendo sempre uniti. Ho una squadra fantastica dietro di me, che mi sta aiutando a dare il massimo. Obiettivi? Difficile dirlo: siamo ad un passo dalla gloria e siamo determinati ad arrivare a vincere un giorno.”

Brad Binder, come detto, è all’esordio in MotoGP, parte del team ufficiale KTM. Una carriera che da tempo lo vede legato alla struttura austriaca, con cui ha vinto anche il titolo Moto3 nel 2016. Nel 2019 in Moto2 ha chiuso da vice-campione per appena 2 punti. “Posso contare su un team ufficiale, che indica anche avere parecchia pressione addosso. Hanno compiuto grandi passi avanti, ma chiaramente ci si aspetta molto. Devo imparare il più rapidamente possibile, ma sono sicuro che un giorno sarò in grado di lottare per la vittoria.”

Miguel Oliveira ha un anno di esperienza alle spalle, in cui è riuscito già a mettersi in evidenza. Peccato per l’infortunio che ha condizionato il suo 2019, ma è decisamente carico per la nuova stagione. “Tech3 è come una famiglia. Mi sono preso il mio tempo per capire la moto, ma il 2019 è stato un anno difficile soprattutto per l’infortunio. KTM ha confermato la sua fiducia in me e sono grato di far parte di questo progetto. Quest’anno ci sarà un maggiore equilibrio tra team ufficiale e satellite, insieme riusciremo a realizzare una moto competitiva.”

Il secondo esordiente del progetto KTM è Iker Lecuona, giovane e promettente pilota spagnolo, da appena quattro anni nelle corse su strada. Il suo debutto a Valencia però ha già impressionato i vertici della fabbrica di Mattinghofen, che ripongono grande fiducia anche in lui. “Voglio solo divertirmi. Sarà la prima stagione in MotoGP. Certo, dopo la gara di Valencia possiamo puntare al titolo di Rookie, KTM ha fatto grandi passi avanti. Non voglio mettermi però particolare pressione, vedremo cosa potremo fare.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Viñales: “Con questa Yamaha sempre in top-4”

marco bezzecchi moto2

Moto2: Marco Bezzecchi, il pilota ‘sposato’ con la moto

di giannantonio moto2

Fabio Di Giannantonio: “Mi piacerebbe disputare la Dakar”