motogp stiria ducati

MotoGP, Ducati Team così non va. Bagnaia-Miller sempre più lontani

Pecco Bagnaia 11°, Jack Miller caduto. Magro bottino per Ducati Team nel Gran Premio di Stiria. Quartararo continua ad allungare...

8 agosto 2021 - 21:33

Va in archivio un GP di Stiria da dimenticare per il duo Ducati Team. La rossa vince ancora al Red Bull Ring, ma col pilota… “sbagliato”. Jack Miller chiude con un brutto zero dovuto ad una caduta mentre lottava per il podio. Francesco Bagnaia invece vive una ‘gara 2’ totalmente diversa rispetto a quanto visto prima della bandiera rossa. Al traguardo è in top ten, ma una sanzione di tre secondi lo spinge in 11^ posizione, dietro alla wild card Pedrosa. Un magro bottino, ben diverso da quello che ci si aspettava. E Quartararo scappa…

Pecco Bagnaia: “Non cerco scuse”

“Alla prima partenza tutto funzionava perfettamente, ero veloce e controllavo tutto. Mi stavo giocando la vittoria.” La svolta in negativo arriva quando ricomincia la corsa dopo il pauroso incidente tra Pedrosa e Savadori. “Abbiamo cambiato le gomme, cambiando quella davanti e scegliendo una hard, mentre al posteriore la mescola era la stessa. Ma qualcosa non ha funzionato.” Si ritiene fortunato a non aver chiuso fuori dai punti. “Non voglio accusare le gomme, poi sembra sempre che cerco scuse, ma con il grip che avevo non era facile.”

In breve, “Oggi abbiamo perso una grande occasione.” La sua prima vittoria MotoGP continua a non arrivare. “Certo non mi fa piacere. Questo weekend eravamo velocissimi come al Mugello, a Portimao… Ma c’è sempre qualcosa che non ci aiuta.” Non mancano però i complimenti per il neo vincitore in classe regina. “Sono contento sia per Jorge che per Pramac Racing, sono stati il mio team per due anni e mi fa piacere per loro.”

Jack Miller, un podio buttato

Discorso opposto per Jack Miller. “Alla partenza non è andata benissimo. Nella seconda gara invece mi sentivo meglio, tutto stava funzionando, a parte qualche piccolo problema di grip, e riuscivo a spingere. Sono riuscito ad impostare il mio ritmo, quando Fabio mi ha passato ho cercato comunque di tenermi il più vicino possibile per cercare il sorpasso sul dritto.” Ma la sua gara si è conclusa anzitempo nella ghiaia. “Non so cosa dire, non ho sentito niente di diverso rispetto al giro precedente” è il suo commento. “Non credo sia stato un problema di gomme, Fabio aveva qualche problema in più. Forse ho chiesto troppo all’anteriore.”

Svanisce così un podio decisamente alla sua portata, visto che era quarto a ridosso di Quartararo e tallonato da Zarco. “L’ho letteralmente buttato via. Sono davvero dispiaciuto per la squadra. Ora dobbiamo pensare alla prossima settimana.” Certo è contento per il primo successo di Pramac Racing, sua squadra fino all’anno scorso. “I meccanici erano tutti miei, è una grande soddisfazione per loro. Paolo [Campinoti] ci ha messo tanto impegno.” E su Suzuki, “Hanno preparato un’ottima moto.” Non mancano i complimenti per quanto fatto dopo l’incidente. “Un’organizzazione fantastica, hanno fatto un gran lavoro.”

Per i tuoi massaggi Thai

Foto: Ducati Corse

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

franco morbidelli motogp

MotoGP, Franco Morbidelli: “Sfida superata in maniera decente”

aleix espargaro misano motogp

MotoGP: comanda Aleix Espargaró nel day-2, Bagnaia top dei Test Misano

alex rins motogp

MotoGP, Alex Rins: “Sylvain Guintoli? Non so davvero come faccia”