MotoGP, Francesco Guidotti

MotoGP, Ducati Pramac delusa. Guidotti: “Difficile lasciare dopo 10 anni”

La MotoGP ha offerto l'ultimo bagliore di mercato con il passaggio di Francesco Guidotti da Pramac a KTM. C'è delusione nel team di Paolo Campinoti.

9 dicembre 2021 - 15:46

C’è delusione in casa Pramac Racing dopo l’addio di Francesco Guidotti passato in KTM. Dopo dieci stagioni MotoGP con Ducati il 49enne toscano ha virato su un progetto più stimolante, in una squadra factory che ovviamente gli ha offerto un contratto più persuasivo. Paolo Campinoti adesso si ritrovare a dover ristrutturare la squadra, Fonsi Nieto sarà il suo successore, anche se manca l’annuncio ufficiale. Il coach spagnolo in questi giorni è a Punta Cana insieme a Jorge Martin, ma sarà di ritorno in Europa nelle prossime ore. Potrebbe essere il momento giusto per mettere nero su bianco in vista del 2022.

Nel campionato 2021 Johann Zarco e Jorge Martin hanno tenuto alto l’onore della squadra satellite. Specialmente il madrileno si sta rivelando un’autentica rivelazione della MotoGP. Nessuno avrebbe immaginato un esordio così convincente, con una vittoria, tre podi e quattro pole position. Tanto da potersi accreditare per il team Ducati factory nel 2023. Francesco Guidotti, legato alla formazione Pramac fino a fine anno, sta sistemando gli ultimi compiti prima di volare in Austria. Per il toscano e la sua squadra sarà un anno da incorniciare in quanto a prestazioni in pista. Per lui la decisione di andare in KTM è maturata solo nelle ultime settimane.

Pramac miglior team satellite

Con la partenza di Bagnaia e Miller sono arrivati due piloti, Zarco e Martin, che hanno meravigliato non poco. Prima della pausa estiva il francese, con tre secondi posti, sembrava poter correre per il titolo MotoGP. Ma alla ripresa del Mondiale è andato sgonfiandosi, mentre ritornava in forma smagliante il rookie madrileno, vincitore in Austria-1. “Ci ha aiutato il fatto che in primavera alcuni presunti protagonisti della stagione 2021 siano rimasti al di sotto delle loro potenzialità. Incluse le due Ducati ufficiali e Marc Marquez assente ai due Gran Premi di Losail. Abbiamo colto questa opportunità“, ammette Guidotti a Speedweek.com. “Durante la stagione le prestazioni si sono bilanciate, i favoriti hanno ripreso le posizioni previste. Ma abbiamo continuato a ottenere buoni risultati in Pramac“.

Peccato che Jorge Martin abbia rimediato una triplice frattura a Portimao-1, costringendolo ad entrare in sala operatoria e a saltare quattro Gran Premi. “Ma durante la pausa estiva ha avuto il tempo di rimettersi completamente in forma. Dopo la pausa estiva, al rientro ad agosto, ha potuto nuovamente dimostrare il suo potenziale al GP della Stiria e festeggiare la sua prima vittoria in MotoGP… È stata una stagione incredibile, di sicuro… Quindi è stato ancora più difficile lasciare la squadra dopo dieci anni (ride, ndr)… Jorge Martin ha tutte le doti di un campione“.

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci KTM Dakar

Il consiglio di Danilo Petrucci: “Piloti MotoGP, provate la Dakar!”

MotoGP, Aleix Espargarò

MotoGP, Espargarò: “Ammiro Dovizioso, purtroppo Iannone è fuori”

Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso verso l’addio… sulla scia di Valentino Rossi