Andrea Dovizioso pilota Ducati

MotoGP, Ducati gioca la carta informatica per battere Marquez

Ducati e NetApp hanno stretto una collaborazione non solo commerciale. Nel box della Rossa un database che consente di lavorare sui dati in tempo reale.

13 novembre 2019 - 14:02

La MotoGP non è solo una sfida di velocità, ma anche di strategie, ingegneria, ricerca e dettagli. Ducati da tempo rappresenta l’avanguardia tecnologica in molti settori, ma al momento non è bastato per battere Marc Marquez. A dimostrazione che il fattore umano, fortunatamente, recita ancora un ruolo rilevante nel Motomondiale. Ma a Borgo Panigale da un anno a questa parte prende sempre più piede il settore informatico, grazie anche alla nuova partnership con NetApp, colosso americano che fornisce software, sistemi e servizi per la gestione e l’archiviazione dei dati on-premises e nel cloud.

Stefano Rendina, IT manager di Ducati Corse, sa bene che ogni minimo particolare può fare la differenza. Si lavora ad ampio raggio non solo sulla percorrenza di curva, obiettivo raggiungibile intervenendo su diverse aree della Desmosedici. Ma anche su motore, elettronica, aerodinamica, ciclistica. In passato il team emiliano ha focalizzato gran parte dell’attenzione sulla potenza del V4, ma ha subito compreso che in MotoGP non esiste un’unica via maestra. Ha così arruolato le migliori menti strategiche della Magneti Marelli per mettersi al passo con la centralina unica. Si è mostrato altamente innovativo su winglets e aerodinamica. Ha sfruttato le zone grigie del regolamento con l’esordio di uno spoiler al posteriore.

UNA FILIALE MOBILE NEL BOX DUCATI

Ha fatto scuola, in molti hanno copiato le strategie Ducati. Ma ancora non è sufficiente per conquistare quel titolo mondiale che manca dal 2007. Allora ecco, dopo la collaborazione con la start up Megaride, l’innesto di NetApp, un’infrastruttura iperconvergente in grado di realizzare ai box l’acquisizione dei dati proveniente dagli oltre 60 sensori a bordo della moto. Durante un week-end MotoGP, quando la Desmosedici si ferma al box, vengono raccolte e analizzate grandi quantità di dati real time. “Grazie alla collaboratore con NetApp abbiamo attuato un completo cambio di mindset – spiega Stefano Rendina a Zerounoweb.it -. In precedenza lavoravamo con file server: ci si collegava per inviare i dati alla sede di Bologna e si restava in attesa della risposta degli analisti dalla sede”. L’analisi dei dati ultra-rapida permette di sfruttare gli insight per una messa a punto della moto fin dallo stop successivo.

In tal modo viene dimezzato il lavoro di chi opera in sede, consentendo agli ingegneri presenti ai box di disporre di un intero data center in uno spazio limitato. “Si tratta di un’infrastruttura robusta che ha dimostrato in un anno di utilizzo la capacità di sopportare gli spostamenti e le condizioni esterne critiche – ha aggiunto Stefano Redina -. E ci ha molto aiutato nella simulazione e nella velocizzazione dei tempi di setup della moto“. Una soluzione che singolarmente forse non colmerà il gap dalla Honda di Marc Marquez. Ma ancora una volta Ducati dimostra di saper anticipare i tempi e di non aver nulla da invidiare ai colossi giapponesi della MotoGP.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati