MotoGP, Ducati: Danilo Petrucci rinnova, incognita Jack Miller

Danilo Petrucci firmerà il rinnovo entro il GP del Sachsenring. Resta da chiarire la posizione di Jack Miller, con Alex Márquez possibile sostituto.

15 giugno 2019 - 13:25

L’estate è arrivata e il mercato piloti bussa alle porte del paddock MotoGP, in particolar modo nel box Ducati, dove sono due i contratti sul tavolo delle trattative. Dopo la vittoria al Mugello Danilo Petrucci si è guadagnato il rinnovo fino al termine del 2020 e inizia il tira e molla sulle cifre.

Secondo quanto riportato da Paolo Ianieri su ‘La Gazzetta dello Sport’, ieri c’è stato il primo incontro tra Paolo Ciabatti, direttore sportivo Ducati Corse, e Alberto Vergani, manager del pilota ternano. Ovviamente si discute sulle cifre, Borgo Panigale è intenzionata ad aumentare l’ingaggio ma senza esagerazioni. D’altronde Danilo Petrucci sa di non poter tirare troppo la corda, dal momento che selle libere per il prossimo anno non ce ne sono tra i team ufficiali. La firma dovrebbe arrivare dopo la gara di Assen o entro il GP del Sachsenring. I risultati saranno fondamentali per stabilire le cifre esatte.

Sul fronte Pramac Racing, Ciabatti e Gigi Dall’Igna sono in procinto di sedersi al tavolo con Francesco Guidotti e Paolo Campinoti per discutere del contratto di Jack Miller. L’australiano sta meritando ampiamente il rinnovo, ma resta un nodo da sciogliere. Dalla prossima stagione Pecco Bagnaia riceverà, come da contratto, una Desmosedici GP con specifiche ufficiali. Jack Miller non è per nulla intenzionato ad accettare la moto dell’anno precedente, bisogna quindi trovare la copertura finanziaria per schierare quattro GP20. Nel caso dovesse saltare la trattativa con Jack, sull’uscio del box c’è già Alex Márquez, il cui manager Emilio Alzamora ha già parlato con Pramac.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi e Jorge Lorenzo

Valentino Rossi e Jorge Lorenzo: convivenza d’oro ma sempre difficile

lorenzo pedrosa

Pedrosa e Lorenzo: i numeri di due leggende con una storia incrociata

Andrea Migno al Ranch di Tavullia

Andrea Migno: “Che fatica dopo il Mugello, ora ripartiamo da Valencia”