MotoGP, Gigi Dall'Igna

MotoGP, Ducati che beffa! Mercato piloti senza soluzioni esterne

Il mercato piloti MotoGP si sta giocando in tempi molto rapidi. Con il rinnovo di Marc Márquez, Ducati resta senza soluzioni esterne per il futuro.

21 febbraio 2020 - 17:18

La nuova stagione MotoGP ancora deve iniziare, ma il mercato piloti sembra quasi concluso. Le previsioni annunciavano cambiamenti epocali in tempi alquanto repentini. Invece tutto si è svolto in tempi e record e nulla sembra cambiato, se non l’ascesa di Fabio Quartararo nel team Yamaha factory. Con la conseguente estromissione di Valentino Rossi, pur avendo garantita una M1 ufficiale nel team Petronas SRT se deciderà di proseguire. Il tutto sta avvenendo in tempi record e anche Honda si è allineata al gioco delle riconferme, assestando un “doppio” colpo inatteso e inedito.

Marc Márquez ha firmato un super contratto quadriennale. Non sembra interessargli troppo la ricerca di nuovi stimoli. La priorità è vincere, magari arrivare allo storico traguardo dei 15 titoli mondiali di Giacomo Agostini. Poco importa se la livrea non cambia, ciò che conta è il dominio in MotoGP. Senza troppa fretta arriverà anche la firma di Alex Márquez, giusto il tempo di sondare numeri e prestazioni in gara. A farne le spese sembra essere soprattutto Ducati, considerando che Alex Rins e Joan Mir a breve metteranno nero su bianco con Suzuki.

Una situazione che gioca a favore dei suoi piloti Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, tallonati dai colleghi di marca Jack Miller e Pecco Bagnaia, oltre che dal neo arrivato Johann Zarco. I vertici Ducati hanno sondato tutti i terreni. A cominciare da Marc Márquez, da cui hanno prontamente ricevuto risposta negativa. L’illusione Viñales-Quartararo è durata ben poco, sembra aver soltanto affrettato i rinnovi con Yamaha. A questo punto non resta che virare su Andrea Dovizioso che, con il coltello dalla parte del manico, chiede maggiori garanzie tecniche. E con il rischio di vedersi sfuggire anche un “pezzo grosso” come Jack Miller, che pretende un team factory dal prossimo anno. Anche a costo di dover cambiare costruttore. Una bella gatta da pelare nel box Ducati, che non mancherà di suscitare tensioni in questa stagione MotoGP.

3 commenti

giosaffatto_14412193
0:07, 22 febbraio 2020

Ma in testa all’articolo, letto il contenuto, più che la foto di Gigi Dall’Igna dovevate mettere il bel faccione di Domenicali. Magari con la testa tra le mani, alla vana ricerca di capelli da strappar via da quel nudo cranio che, per motivi di ottimale ventilazione e miglior raffreddamento, dovrebbe migliorarne le performance cerebrali in modo da partorire buone idee. Ma così non e’. Con lui le leggi della termodinamica non funzionano. In sostanza: piu’ Gigi e il comparto tecnico lavorano per migliorare le moto e piu’ la dirigenza Ducati lavora per evitare di aggiudicarsi i piloti migliori. Due parti davvero in forte contrasto.

fabu
20:40, 21 febbraio 2020

“che non mancherà di suscitare tensioni in questa stagione MotoGP”. Nulla di nuovo nel box Ducati.

    lorenzoursan_14190819
    23:21, 21 febbraio 2020

    Se Dovizioso decidesse di continuare e di buttarsi su KTM, o anche su Aprilia, non mi sentirei di dargli torto. Idem per Petrucci o per Miller. E chissà, magari troverebbero moto (e box) più “friendly” per molti aspetti….

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marc Marquez e Alex Marquez

MotoGP, Alex e Marc Marquez vicini ad un nuovo focolaio: HRC in allerta

rabat motogp

MotoGP, Tito Rabat: “Johann Zarco lotta solo in pista, non fuori”

Sete Gibernau

Sete Gibernau: “Valentino Rossi genera odio sui suoi avversari”