MotoGP, Paolo Ciabatti e Jack Miller

MotoGP, Ducati: al Mugello è tempo di annunci. VR46 resta un’incognita

In MotoGP è tempo di annunci ufficiali. Ducati al Mugello ufficializzerà il rinnovo di Jack Miller e con il team Pramac. Resta l'incognita VR46.

17 maggio 2021 - 20:02

Al Mugello sarà giornata di annunci per Ducati in vista del futuro in MotoGP. Ma Paolo Ciabatti ha lasciato intendere che per tutti gli annunci dovremo attendere ancora. Provando a decifrare le sue parole fra una decina di giorni avremo l’ufficialità del rinnovo contrattuale con Pramac Racing team satellite e con Jack Miller nel team factory. Per conoscere il destino della seconda squadra satellite si dovrà forse attendere il round in Catalunya, le trattative con la VR46 di Valentino Rossi e Gresini Racing si preannunciano più insidiose del previsto.

A Jack Miller va subito reso l’onore del contratto dopo le due vittorie consecutive a Jerez e Le Mans. Non poteva essere altrimenti e sarà lo stesso anche per Pecco Bagnaia. La nuova line-up ha inaugurato una nuova era per Ducati, non facendo rimpiangere per nulla il duo Dovizioso-Petrucci. Con il pilota australiano cambia anche il registro delle dichiarazioni pubbliche rispetto agli anni precedenti. Mai una parola contro il lavoro dei tecnici di Borgo Panigale, anche nelle prime gare che sembravano preannunciare una stagione MotoGP tutta in salita. ‘JackAss’ ha saputo fare autocritica, è intervenuto chirurgicamente per risolvere il problema di sindrome compartimentale.

L’australiano loda Ducati

L’exploit arriva nel fine settimana andaluso e sul bagnato di Le Mans. Uno strepitoso uno-due che gli vale un futuro assicurato con la Desmosedici GP, almeno fino al termine del 2022. “Questa è la migliore Ducati di tutti i tempi! Dobbiamo essere orgogliosi del lavoro di Gigi Dall’Igna e di tutti gli ingegneri“. Parole dolci che cambiano rispetto a quelle di Dovizioso… “Asciutto, bagnato, umido, ancora asciutto, vento: è stata una gara molto lunga. Le Yamaha erano fortissime sull’asciutto, poi ha iniziato a piovere molto, è stato come entrare in un muro d’acqua, non riuscivo a fermare la moto e sono entrato nella ghiaia“.

Pericolo fortunatamente scampato, la vittoria è arrivata nonostante due long lap penalty. Jack Miller ci scherza su: “In Francia spesso ricevo dei biglietti per eccesso di velocità… Non avevo mai provato la penalità sul giro lungo durante le prove e quando ho fatto il primo sono stato attento, mentre nel secondo ho spinto più forte. Quartararo era ancora lì, davanti a me, l’ho passato, poi ho pensato solo a gestire il vantaggio”. Prossima tappa MotoGP al Mugello, in Ducati aspettano il tris… “Non ci penso adesso. E poi ci sono tanti piloti veloci, Bagnaia, Zarco, anche Quartararo: non sarà facile“.

1 commento

FRA 1988
22:13, 17 maggio 2021

La Ducati non ha più piste difficili e Dall’Igna ha costruito una moto straordinaria. L’unico problema è che non
c’è ancora un pilota di riferimento e Pecco-Miller-Zarco
si “rubano” punti a vicenda e questo può avvantaggiare
Quartararo.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

xavi artigas moto3

Moto3 Misano-2, Prove 3: la zampata finale di Xavier Artigas

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales: il futuro di Aprilia è nelle sue mani

marini bastianini motogp

MotoGP: Marini top ten provvisoria, Bastianini è a 33 millesimi