quartararo motogp

MotoGP, disastro Quartararo: “Pressione della gomma anteriore fuori controllo”

Fabio Quartararo Chiude un GP condizionato da un particolare problema tecnico. Ma sdrammatizza: "Poteva andare peggio, Mir poteva vincere!"

19 ottobre 2020 - 9:34

Gran Premio di Aragón letteralmente da dimenticare per Fabio Quartararo. L’ormai ex leader MotoGP ha dovuto lottare per tutta la gara con la pressione della gomma anteriore, andata fuori controllo dopo pochi giri. La conclusione è stata la continua perdita di posizioni, incapace di lottare con gli altri piloti, fino a chiudere fuori dalla zona punti. Un problema di cui non si conosce la natura: bisogna capire presto cos’è successo, il GP di Teruel incombe e l’alfiere Petronas SRT, che non accenna minimamente all’incidente nelle FP3, vorrà certo la rivincita.

“Avevamo il potenziale per lottare, forse non per la vittoria, ma per la top 5” ha dichiarato Quartararo ai microfoni di motogp.com. Ricordiamo, lui è stato uno dei tanti a partire con media anteriore come gomma, scelta di cui non si pente. “I primi tre giri sono stati perfetti, anzi il feeling era addirittura migliore che con la soft” ha sottolineato. In seguito però le cose sono nettamente cambiate, ed in peggio. “La pressione era diventata molto più alta del normale, letteralmente fuori controllo. Non potevo frenare, non potevo girare la moto… Non potevo gestirla.”

Lo dimostrando anche le varie uscite sul verde di cui si è reso protagonista nel corso della gara. “Ora stiamo lavorando per capire come mai è successa una cosa del genere.” Una situazione inaspettata che gli ha fatto perdere tanti punti: in una battaglia così serrata per il titolo, anche uno solo può rivelarsi fondamentale. Intanto Mir, terzo in gara, è passato al comando della classifica generale. “Poteva andare peggio, poteva vincere! Se Mir fosse arrivato primo, Maverick secondo e Dovi 3°, allora sarebbe stato ancora più disastroso per noi.” Cerca di sdrammatizzare così Quartararo dopo una gara davvero da dimenticare.

Ammette poi che “Le Suzuki sono davvero molto veloci. Possiamo però lottare con loro. Dobbiamo cercare ora di non perdere altri punti importanti.” Joan Mir è il suo diretto rivale e nuovo leader iridato, Alex Rins è tornato alla vittoria, ma il pilota francese è rimasto davvero colpito da Alex Márquez. “È salito sul podio sul bagnato a Le Mans, ma in questa gara ha fatto davvero un grande passo avanti. Non mi aspettavo così tanto. Certo ti aspetti sempre dei miglioramenti, ma così… È qualcosa che non vedevo davvero da tanto tempo.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “C’è chi va in pensione e chi è troppo vecchio”

MotoGP, la storia: Jarama, sede del GP di Spagna e non solo

Tatsuki Suzuki Moto3

ESCLUSIVA Tatsuki Suzuki: “Superpole in Moto3? Solo se…” (Parte 1)