MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, Davide Tardozzi: “Andrea Dovizioso non vuole essere tirato”

Sei Ducati fuori dalla seconda manche di qualifiche MotoGP a Teruel. Davide Tardozzi esclude l'ipotesi di ordini di scuderia pro-Andrea Dovizioso.

24 ottobre 2020 - 13:16

Sei Ducati fuori dal Q2 del GP di Teruel costituiscono un notizia che fa troppo rumore nel paddock MotoGP. L’unico a sfiorare la top-10 è Jack Miller, undicesimo con un gap di 24 millesimi dalla Suzuki di Joan Mir (10°). Una settimana dopo i tecnici di Borgo Panigale non hanno trovato una soluzione ai problemi della Rossa sul layout del MotorLand. Le basse temperature accentuano il deficit che ormai si trascina da inizio Mondiale: la mancanza di feeling con la nuova carcassa posteriore Michelin.

Andrea Dovizioso necessita di una buona piazza in griglia di partenza per tenersi aggrappato alle speranze iridate. L’impossibilità di sfruttare il potenziale in staccata pesa come un macigno su questa stagione MotoGP. “La causa della mancanza di fiducia in ingresso curva è l’assenza di grip – spiega Davide Tardozzi a Sky Sport MotoGP -. Pecco fa scorrere la moto velocissimo e questo problema è ancor più evidenziato. Speriamo di mettere due Ducati in Q1, ma il distacco medio è inferiore e abbiamo una piccola nota sul passo gara, dove penso che possiamo fare qualcosa di meglio rispetto a domenica scorsa“.

Qui al MotorLand le Ducati non riscontrano problemi di aderenza solo al posteriore. “In questo momento anche la gomma anteriore non sta dando grip a sufficienza, quindi è un problema di bilanciamento. Siamo noi che dobbiamo dare una mano ai piloti, gli ingegneri stanno cercando di capire qualcosa“, ha aggiunto il team manager. Nel box non viene diramato nessun ordine di scuderia per provare a spingere il Dovi nel Q2. Neppure alla luce di quanto successo una settimana fa tra il vicecampione e il suo compagno di box Danilo Petrucci. “Andrea Dovizioso non vuole essere tirato, preferisce fare il tempo da solo. Non ne voglio più parlare, sappiamo che è così, lui e Danilo non vogliono parlarne. Dobbiamo pensare agli avversari, non a queste cose – ha chiosato Davide Tardozzi -. Per quanto ci riguarda l’episodio è chiuso“.

Foto: getty images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”

MotoGP, Luca Marini-Pecco Bagnaia-Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e “new generation”: obiettivo Mondiale tricolore

binder espargaro ktm motogp

MotoGP, Mike Leitner (KTM): “I risultati del 2020 parlano da soli”