petrucci motogp

MotoGP, Danilo Petrucci: “Vedo che quello che dico funziona!”

Il secondo GP 2021 scatta dalla 17^ casella per Danilo Petrucci. Manca velocità sul dritto, ma i passi avanti ci sono: il ternano è carico per la gara.

4 aprile 2021 - 9:15

In una Q1 serratissima come quella vista nel GP MotoGP di Doha, Danilo Petrucci è andato molto vicino alla Q2. Alla fine si deve ‘accontentare’ di un 17° posto in griglia, non proprio quello che si aspettava. Ma il recente sodalizio con KTM sembra stia davvero procedendo per il verso giusto. Nonostante le condizioni non proprio ideali trovate sabato (soprattutto a causa del vento), ‘Petrux’ ha fatto vedere belle cose e sottolinea con giusto orgoglio anche il risultato di alcune sue indicazioni. Rimarcando anche che “Solo io e Pol Espargaró abbiamo cambiato moto quest’anno. Non è una scusa, ma è solo l’inizio.”

“Questa qualifica però è un’opportunità mancata” ha ammesso il pilota Tech3 a qualifiche concluse. Un piazzamento in griglia che appunto non lo soddisfa e ne spiega anche il motivo. “Ho girato sempre da solo, ma sono stato molto più lento che se avessi corso in scia, come ha fatto invece Oliveira. La maggiore differenza tra noi è stata sul rettilineo, mentre in curva direi che siamo praticamente uguali. Non sono lontano dalle altre KTM.” Non nasconde la giusta soddisfazione per i continui passi avanti. Dovuti anche ad un dialogo continuo con Mike Leitner. “Ci vediamo alla fine di ogni turno, parliamo tanto e soprattutto c’è una grande collaborazione in generale con KTM, che è la cosa più importante.”

Ma rivendica anche dei meriti personali. “Sono contento anche perché vedo che quello che dico funziona. Forse ci sto capendo qualcosa dopo solo 10 anni in MotoGP!” ha scherzato. “Le indicazioni si trasformano in risultati, ne sono molto fiero. Non siamo nelle posizioni che vogliamo, ma stiamo migliorando e sto facendo vedere che quello che faccio funziona.” Strategia per la gara? “Rimanere vicini agli altri, e cercare di sfruttare la scia, visto che la velocità sul dritto è il mio punto debole. Arriviamo a perdere anche tre decimi solo lì… Ma penso che ci saranno anche altri piloti che proveranno qualcosa di simile.” Obiettivi: “Vogliamo certo lottare per i punti, cercando di avvicinarci il più possibile alla top ten.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

1 commento

Makiland
11:19, 4 aprile 2021

Tieni duro DP, vedrai che ne verrete a capo e potrai essere più competitivo …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Razlan Razali e Johan Stigefelt

MotoGP, Razali-Yamaha verso la firma: Valentino Rossi guarda oltre

MotoGP, Aleix Espargarò

MotoGP, Aleix Espargarò su Pecco Bagnaia: “Le regole sono regole”

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Brutti tempi per Valentino Rossi”