MotoGP, Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci: “Non sfruttiamo le gomme nuove in qualifica”

Inizio di stagione MotoGP in salita per Danilo Petrucci e KTM. A Jerez nuovi aggiornamenti per migliorare il setting e sfruttare meglio le gomme nuove.

25 aprile 2021 - 13:14

Il mese di maggio sarà decisivo per Danilo Petrucci, dopo un inizio di stagione MotoGP sottotono. Era prevedibile dopo il passaggio da Ducati a KTM, specie in un periodo in cui la KTM RC16 fatica a trovare il feeling con le gomme. Si aggiunga che per Petrux si tratta di una moto completamente nuova e diversa, che necessita di tempo per adattarsi. Nel GP di Portimao il primo step personale, passando dal 18° al 13° posto e raccogliendo i primi tre punti in classifica.

Obiettivo qualifiche

Ma saranno Le Mans e il Mugello i tracciati della verità, dove il pilota ternano ha trionfato nell’ultimo biennio MotoGP. “Sono l’ultimo vincitore su entrambe le piste“. A Jerez ci saranno nuovi aggiornamenti per lui. Necessita di un setting differente rispetto ai colleghi di marca a causa dell’altezza maggiore. La casa di Mattighofen si sta impegnando per metterlo a suo agio sulla RC16. La priorità è migliorare nelle qualifiche e non commettere errori sul giro secco. “Ho commesso degli errori in ogni giro di qualifica – ammette Danilo Petrucci a Speedweek.com -. Questo è stato fastidioso. Abbiamo migliorato il comportamento in frenata, ma il comportamento in curva ha risentito di questo assetto. Con le gomme nuove non miglioriamo abbastanza rispetto ai nostri avversari“.

Problemi con gomme nuove

Il passo gara è migliore rispetto al ritmo delle qualifiche, ma in questo momento è lui a dover fare la differenza. “Devo conoscere meglio la moto. A volte penso di essere al limite in frenata. Ma quando lascio andare i freni, mi sento troppo lento in curva. Finora ho avuto più o meno lo stesso passo con gomme nuove e usate“. Un fattore interessante nella domenica di gara, ma non riuscendo a sfruttare l’extra grip delle gomme nuove è condannato a partire troppo indietro in griglia. Da qui la necessità di intervenire sul set-up della moto già nel prossimo round a Jerez. “Stiamo anche cercando una soluzione per stressare meno la gomma anteriore. Ho anni di esperienza in MotoGP e spero di poter aiutare KTM a correggere alcuni punti deboli“.

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti e Jack Miller

MotoGP, Ducati: al Mugello è tempo di annunci. VR46 resta un’incognita

filip salac moto3

Moto3: Filip Salac, finalmente il podio! “Momento atteso per anni”

Oliveira KTM MotoGP

MotoGP, Miguel Oliveira: “I risultati non rispecchiano il nostro potenziale”