danilo petrucci motogp

MotoGP, Danilo Petrucci: “Mi serviranno parecchi antidolorifici”

Danilo Petrucci 15° nel venerdì a Valencia, ma protagonista anche di un highside, con conseguenti dolori ad un fianco. "Spero non mi dia troppo fastidio."

12 novembre 2021 - 17:36

Non è iniziato benissimo l’ultimo evento MotoGP per Danilo Petrucci. Lasciando da parte i tempi, il pilota Tech3 si è reso protagonista di un violento highside nel corso delle prime libere. Nessuna lesione seria, ma la botta s’è sentita ed il ternano ha ammesso di essere parecchio dolorante. Una complicazione in più in questa sua ultima esperienza nel Motomondiale, mentre in classifica lo troviamo in 13^ posizione a poco più di un secondo dal capoclassifica Miller. Un punto di partenza dopo due turni in condizioni totalmente diverse e con una KTM un po’ al limite.

L’incidente

“È stata una caduta importante e ho sbattuto duramente sul fianco sinistro. C’è anche parecchio sangue, ma fortunatamente nulla di serio.” Petrucci inizia così il racconto del suo incidente nelle prime libere di giornata. Spiegando poi la dinamica. “Da un paio di giri stavo seguendo Bagnaia, stavo tirando, ma avevo il problema del lato destro della gomma posteriore che non riusciva a scaldarsi, nonostante fosse il settimo giro. In quella curva probabilmente la pioggia stava cadendo un po’ più forte, visto che non ho fatto nulla di diverso rispetto agli altri giri. Ma appena ho toccato l’acceleratore la moto mi ha lanciato.”

Ne segue un volo abbastanza brutto per il pilota Tech3, che certo non voleva iniziare così l’ultimo GP del 2021. Il dolore infatti si fa sentire. “Nel pomeriggio sono riuscito a correre senza troppi problemi, ma una volta sceso dalla moto facevo fatica a camminare.” In ogni caso “Mi serviranno parecchi antidolorifici per questo weekend, più tardi andrò a fare un po’ di fisioterapia.” Una difficoltà in più per i prossimi giorni? “Per esperienza, queste sono le botte che senti soprattutto a posteriori. Vedremo, spero non mi dia fastidio alla schiena, ma non credo peggiori troppi nel corso del weekend.”

“Siamo al limite”

Una prima sessione bagnata quindi interrotta anzitempo, per poi tornare in azione nel pomeriggio. Stavolta su pista asciutta, mettendo a referto il 15° miglior crono davanti a Lecuona ed Oliveira. Non è stata una giornata semplice. “Ho avuto qualche difficoltà in più a livello di ritmo, ma per il resto sono in linea con le altre KTM.” Evidenziando poi che “Solo Brad riesce ad essere velocissimo nel primo settore. Non so dire, sembra aver trovato una soluzione migliore.”

“Dobbiamo lavorare sulla moto, ma non è così male.” Sottolineando però anche che “Stiamo soffrendo abbastanza a livello di potenza e velocità in questo finale di stagione: a Silverstone purtroppo abbiamo rotto un motore nuovo e siamo sempre al limite come chilometraggio.” Si dice però convinto di poter migliorare, ma con la massima attenzione ad ogni dettaglio. “Bisogna fare tutte le curve perfette per una buona qualifica, visto che siamo tutti vicinissimi.”

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Iker Lecuona

MotoGP, Iker Lecuona critica KTM: “Non è corretto”

MotoGP, Alberto Puig

“MotoGP senza Valentino Rossi? La vita va avanti”: la freddura di Puig

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, trattativa Aprilia-Espargarò: rinnovo o ipotesi collaudatore