Beirer Petrucci KTM MotoGP 2021

MotoGP, Danilo Petrucci: “KTM può essere la mia ultima chance”

Danilo Petrucci vestirà i colori KTM Tech3 nella stagione MotoGP 2021. Per l'ex Ducati sarà un anno decisivo per il suo futuro professionale.

4 dicembre 2020 - 12:51

Danilo Petrucci ha iniziato l’avventura MotoGP in KTM lavorando in galleria del vento. Poco conta se vestirà la livrea satellite del team Tech3, visti i risultati di Miguel Oliveira nel 2020. Sarà affiancato dal capotecnico e connazionale Sergio Verbena, quest’anno al servizio di Brad Binder. Dopo sei anni in Ducati il pilota umbro volta pagina e si prepara ad un anno decisivo per il futuro professionale.

La casa di Mattighofen ha perso le concessioni in materia di test, quindi Danilo Petrucci dovrà attendere febbraio per il primo approccio con la RC16. “Sono molto curioso della nuova moto“, ha rivelato a Speedweek.com. “Purtroppo hanno perso le ‘concessioni’, quindi non è più possibile effettuare test illimitati e perciò non guiderò la moto per la prima volta fino a febbraio. Ma stiamo già lavorando nella galleria del vento. Questo è molto importante perché quest’anno la velocità massima è stata un problema per me“.

Petrucci ad un bivio professionale

Nonostante la vittoria di Le Mans Petrux non è mai riuscito ad instaurare un buon feeling con la GP20, alla pari di Andrea Dovizioso. La mancanza di grip al posteriore ha reso difficile l’intera annata MotoGP e KTM rappresenta una ghiotta occasione per rilanciarsi. Riuscirà ad adattarsi subito al prototipo austriaco? “Speriamo, è molto difficile da dire adesso“. Eppure è bastata una visita allo stabilimento austriaco per convincersi a firmare. L’ingresso di Dani Pedrosa come tester ha consentito di fare un decisivo step da un anno a questa arte. “Dani è un pilota molto bravo che, a differenza di Pol, non frena così forte. Quindi ora puoi guidare la moto in entrambi i modi, sia aggressivo che dolce“.

Al momento si è dovuto accontentare di sedersi sulla RC16 a motore spento, per le prove di ergonomia e in galleria del vento. Fra poco più di due mesi a Sepang potrà saltare in sella e dare il via ad un nuovo capitolo. Nei giorni scorsi Dani Pedrosa e Mika Kallio hanno girato a Jerez per raccogliere gli ultimi dati su cui proseguire l’evoluzione durante l’inverno. Nell’attesa Danilo Petrucci si allena con le moto da cross e in questo week-end sarà impegnato al “Rally Sandalion” in Sardegna. Il 2021 sarà un anno decisivo per il suo futuro in MotoGP: “Se non andrà bene non credo che avrò molte altre possibilità… Secondo me il cambio di scenario sarà positivo per me, il modo di lavorare sarà tutto nuovo“.

2 commenti

fzanellat_12215005
14:27, 4 dicembre 2020

Danilo è un buon gregario venuto dalla gavetta di molti anni passati nel Civ o campionati europei.
Non sarà mai un fuoriclasse e può essere soddisfatto
della sua carriera partita dal nulla.
Ktm ha fatto la scelta migliori nel dare una chance
al talentuoso Miguel Oliveira.
Petrux non è un pilota da team ufficiale.

    Max75BA
    9:50, 5 dicembre 2020

    …quest’anno le differenze tra team ufficiale e non, sono state praticamente nulle…può decisamente vincere dei gp…sentiremo l’inno nazionale nel 2021 sia con il Petrux sia con Morbidelli…e chissà non si aggiungano Bagnaia e Vale…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “C’è chi va in pensione e chi è troppo vecchio”

MotoGP, la storia: Jarama, sede del GP di Spagna e non solo

Tatsuki Suzuki Moto3

ESCLUSIVA Tatsuki Suzuki: “Superpole in Moto3? Solo se…” (Parte 1)