petrucci motogp

MotoGP, Danilo Petrucci: “Ho una proposta KTM per la Dakar”

Danilo Petrucci carico verso questo secondo GP austriaco. Commenta poi anche il cambio gomme per questo evento e l'offerta KTM per la Dakar.

12 agosto 2021 - 16:25

Voglia di far bene e di godersi quelle che molto probabilmente saranno le ultime gare in MotoGP. Danilo Petrucci guarda al presente, tra la nuova anteriore e l’intenzione di fare molto meglio su un Red Bull Ring a lui non proprio amico, ma con un occhio al futuro. Conferma infatti le voci di questi giorni su un’offerta ricevuta da KTM per disputare la Dakar, evento che non ha mai nascosto essere uno dei suoi sogni nel cassetto. Ma guardandosi un po’ attorno, con qualche considerazione anche sul suo livello fisico attuale.

Ma prima si parla di gomme: dopo i problemi di domenica scorsa, Michelin ha fornito una differente dura anteriore. “Abbiamo già corso con la mescola dura domenica, ma non è ancora abbastanza per noi” ha ammesso Petrucci. “Il problema è anche il layout del tracciato. Servirebbe però una mescola diversa sul lato sinistro: con la gomma asimmetrica il composto non è mai lo stesso, parliamo di una costruzione diversa. Ma forse con questa avremo un maggior supporto.” Rimarca comunque anche il punto critico della pista. “La curva 2 è una delle più pericolose per una MotoGP.” Proprio lì c’è stato l’incidente Pedrosa-Savadori domenica.

Parla anche del suo futuro nel Motomondiale. “Io sento di essere ancora competitivo. O meglio, il contenuto è ancora competitivo, il contenitore non tanto, non posso andare oltre.” Con tutte le notizie attuali però potrebbe aprirsi qualche spiraglio per lui… “Dovrei cambiare tutto di nuovo, bisognerebbe poi capire se qualcuno me lo permetterebbe.” Un’opzione rimane anche la Superbike, ma teme le stesse difficoltà derivate dalla sua struttura fisica. “Potrei essere la matrioska di Pedrosa. Ma anche di tanti altri piloti MotoGP” ha scherzato Petrucci al riguardo.

Dakar, si può fare

Come accennato, conferma poi l’offerta Dakar. “Me l’hanno detto sabato notte. Ho chiesto se stavano scherzando, poi abbiamo iniziato a parlare. [Pierer] mi ha richiamato due giorni fa per confermare che l’opzione c’era.” Un bel salto dalla MotoGP al rally più famoso e pericoloso del mondo. “Ringrazio per questa offerta, è una cosa grossa anche perché non ho esperienza: è tutto un altro mondo.” Sottolinea anche che “Volendo però ho passato più tempo in sella ad una moto da fuoristrada che sulle moto stradali, ma è comunque diverso.”

“Un’idea può essere ‘studiare il paesaggio’ nel 2022, per poi competere sul serio nel 2023, essendo più preparato.” Sottolinea poi anche che “Devo guardarmi attorno per il futuro, ma avere già una scelta è bello, romantico. Sarebbe poi molto interessante nella storia per questo, riuscire a fare qualcosa che nessuno ha fatto.” 

Per i tuoi massaggi Thai

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

mir motogp misano test

MotoGP, Suzuki sul motore 2022: “Non una rivoluzione, uno sviluppo”

marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, primo contatto con la nuova Honda RC-V

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

Test MotoGP, Valentino Rossi cambia programma. ‘Dovi’ più aggressivo