MotoGP Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci: “Con Ducati e KTM ho sbagliato squadra”

Danilo Petrucci ricorda con amarezza l'addio alla MotoGP. Negli ultimi due anni ha pagato alcune scelte sbagliate: "Sarebbe stato bello lavorare con Guidotti".

10 gennaio 2022 - 10:54

Danilo Petrucci corre la sua Dakar, ma portando nel cuore il paddock della MotoGP lasciato con amarezza. Tante congratulazioni sono arrivate dagli ex colleghi dopo la sua storica vittoria nella quinta tappa. Continua a correre con livrea KTM Tech3, era l’unica grande possibilità per potersi destreggiare tra le dune del deserto per la prima volta. Ma dopo questa avventura Petrux guarderà altrove. Manca solo l’ufficialità per rispetto dei rispettivi marchi, ma nel 2022 proverà l’adrenalina del Motoamerica con Ducati. In caso di vittorie potrebbe essere la porta d’ingresso verso competizioni più prestigiose.

Con KTM non ha avuto una vera chance per rilanciarsi nella MotoGP. Dopo la prima parte di campionato a Mattighofen avevano già deciso il suo futuro e quello della squadra satellite. Non è riuscito ad adattarsi in tempi brevi alla RC16, ma è pur vero che il costruttore austriaco non ha preso in considerazione molte delle sue richieste. “La moto non è cambiata molto per me e Iker durante tutto l’anno. C’è stato solo un piccolo aggiornamento del telaio al Sachsenring“, ha spiegato Danilo Petrucci a Speedweek.com. “Ma non abbiamo avuto mai nessun vero cambiamento. All’inizio del 2020 ci avevano dato altre garanzie“.

Petrucci-Guidotti occasione mancata

Un’occasione mancata per Petrux, che quest’anno avrebbe incontrato due tecnici che conosceva molto bene: Fabiano Sterlacchini e Francesco Guidotti. “Queste sono tra le migliori persone che abbia incontrato nel paddock MotoGP e con le quali ho lavorato fino ad ora“. Il Motomondiale è ormai un capitolo chiuso per lui, ma qualche rimpianto è inevitabile. “Ho la sensazione di aver scelto la squadra sbagliata con Ducati e KTM negli ultimi due anni. Ho sbagliato. Quando mi guardo indietro, avrei dovuto fare diversamente”.

Nel 2020 abbiamo assistito all’exploit KTM, ma Petrux era in sella alla Ducati. Nella stagione 2021 è successo l’esatto contrario. “KTM è stata praticamente la moto migliore in griglia nel 2020, ma sfortunatamente non era più così nel 2021. Quindi sono stato nel posto sbagliato per due anni. Ora mi dispiace molto di non poter continuare con KTM in MotoGP. Mi sarebbe piaciuto lavorare ancora con Sterlacchini e Guidotti“.

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Enea Bastianini

MotoGP, esclusiva Pernat: “Bastianini ha un solo obiettivo”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Lorenzo sr: “Andrea Dovizioso ha un grosso problema”

MotoGP, Massimo Rivola

MotoGP, Massimo Rivola: “Il futuro di Vinales dipende da noi”