MotoGP, Dani Pedrosa

MotoGP, Dani Pedrosa: “Adesso apprezzo di più Valentino Rossi”

Dani Pedrosa elogia l'ex rivale Valentino Rossi per l'impegno profuso in MotoGP. Nonostante l'età e la concorrenza il Dottore non si è mai arreso.

26 agosto 2021 - 8:33

Al Red Bull Ring i fan della MotoGP hanno rivissuto il ritorno di Dani Pedrosa in pista. L’ex pilota fedelissimo al marchio Honda ha girato nel week-end con la KTM RC16, moto che porta il suo segno indelebile nello sviluppo dell’ultimo biennio. E l’occasione è stata buona per rivedersi spalla a spalla con ex rivali del passato, uno su tutti Valentino Rossi. Grande rispetto reciproco fra i due veterani, intrattenutisi per una chiacchierata anche all’interno del paddock. Poco prima il Dottore aveva annunciato ‘urbi et orbi’ il suo addio alle classe regina. “Ora ho 35 anni, Valentino è ancora più grande. So quanto sia difficile sopravvivere contro i ragazzi quando si invecchia“.

L’incontro tra veterani

Eppure Pedrosa ha spiazzato tutti con il suo decimo piazzamento in Styria, a distanza di circa tre anni dal suo ultimo Gran Premio a Valencia 2018. Viceversa Valentino Rossi ha avuto il coraggio e la persistenza di continuare, fino all’età di 42 anni, nonostante le difficoltà degli ultimi anni. “Solo quando lo vivi in ​​prima persona te ne rendi conto – ha aggiunto Dani Pedrosa -. Ora apprezzo ancora di più quello che ha fatto di recente, anche se i suoi risultati non sono più quelli di prima. Apprezzo il suo impegno perché diventa sempre più difficile man mano che si invecchia“.

Cambiano i tempi, le moto, gli stili di guida, gli avversari. La MotoGP è un continuo ricambio generazionale che getta nella mischia nuovi talenti di stagione in stagione. E chi arriva dalla Moto2 diventa subito pronto a insidiare il podio. Basti pensare a Fabio Quartararo o Jorge Martin. “Negli ultimi due anni la situazione è cambiata molto. Quando sei giovane è fisicamente più facile, anche per allenarsi. Poi tutti sono molto forti fin dall’inizio, le gare sono molto serrate, tutti sono davvero aggressivi dal primo giro in poi. Questo lo rende davvero complicato, non è facile“. Rivedersi in scia a Valentino Rossi ha rispolverato i ricordi del passato: “È stato bello come ci siamo seguiti nelle FP4, è stato un po’ come ai vecchi tempi”.

Massaggio Capitale, relax a Roma

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

zaccone moto2

ESCLUSIVA Alessandro Zaccone: “In Moto2 ‘dal nulla’ è già un successo”

american racing team moto2

Moto2: American Racing Team, ecco il “sogno americano” del 2022

MotoGP, Darryn Binder

MotoGP, Razali: “Facile criticare la scelta di prendere Binder”