MotoGP: Dani Pedrosa “A Barcellona voglio far bene”

Il pilota della Honda correrà in casa questo weekend

29 giugno 2010 - 10:21

E’ un Dani Pedrosa molto carico quello che non vede l’ora di correre sul circuito di casa di Montmelò, sul quale si disputa questo fine settimana il settimo round della stagione 2010. Il pilota catalano è convinto infatti di poter invertire la tendenza che lo ha visto, quest’anno, alternare performance maiuscole ad altre non certo brillanti. Il numero #26 di casa Honda HRC potrà beneficiare dell’apporto dei tifosi e della famiglia che presenzieranno al circuito, e spera di continuare il duro lavoro intrapreso assieme allo staff tecnico per trovare di volta in volta il set-up migliore, che permetta allo spagnolo di ben figurare nella giornata di domenica e di essere costante per tutta la gara.

“Arrivo al GP di Catalunya con l’umore davvero buono”, commenta Dani Pedrosa. “La scorsa gara di Assen è stato un esempio eccellente del fatto che non ci arrendiamo mai. Le sessioni di prova sono state molto difficili ma il team non si è mai scoraggiato e abbiamo lavorato fino ai secondi finale per ottenere un buon risultato. Sono felice della gara poiché sono stato in grado di mantenere un alto passo dal primo giro fino alla fine e spero che riusciremo a farlo ancora in Catalunya.

Fino ad ora in questa stagione abbiamo alternato buoni risultati a cattive performance in ogni gara, ma spero che riusciremo a raggiungere un alto livello a Barcellona – tutti nel mio team sono pronti a questo. E’ un circuito sul quale ho sempre amato guidare, perché è davvero il mio tracciato di casa. I miei amici e la famiglia saranno lì e , assieme ai miei fan, sento più che in ogni altro posto il fatto di essere circondato da supporter. Lo scorso anno è stata molto dura, perché ero infortunato e ho dovuto correre con addosso un’iniezione di antidolorifici.

Questa volta andiamo in Catalunya in buona forma. Sappiamo di dover lavorare duramente per trovare il set-up della moto perché su questo circuito è sempre difficile trovare dei buoni parametri per il mezzo, e quelli che abbiamo usato ad Assen probabilmente non andranno bene per questo. Ma spero di risolvere tutto questo già da sabato, fare una buona qualifica ed essere pronto per combattere al massimo livello in gara. Fino ad ora quando siamo stati davanti è stato l’impegno che ci ha portato lì, quindi dobbiamo continuare a spingere in questo modo a Barcellona questo week-end.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez: rientro a casa anticipato di 24 ore

smith aprilia motogp

MotoGP, Bradley Smith: “Alla Aprilia RS-GP 2020 manca tempo in pista”

Nagashima Moto2

Moto2: Nagashima all’attacco a Brno per difendersi dagli italiani