MotoGP, Pecco Bagnaia e Gigi Dall'Igna

MotoGP, Dall’Igna mette in guardia Ducati: “Adesso vietato sbagliare”

Stagione MotoGP 2021 da incorniciare per Ducati, ma adesso l'obiettivo è il Mondiale Piloti. Pecco Bagnaia sarà il nuovo pilota di punta?

18 dicembre 2021 - 8:26

Ducati ha chiuso in crescendo la stagione MotoGP, l’exploit di Pecco Bagnaia porta sogni d’oro al letargo invernale. Ma non saranno certo settimane di riposo per il team emiliano, da un lato concentrato sull’evoluzione della GP22, con l’aerodinamica che ricoprirà ancora un ruolo peculiare sulla Rossa. Dall’altro sono i piloti a recitare la loro parte nella preparazione invernale, con Bagnaia di recente uscito dalla sala operatoria per rimuovere una placca dalla spalla.

Una stagione brillante per Ducati

Secondo titolo Costruttori consecutivo per Ducati, nella prossima stagione MotoGP l’obiettivo è il Mondiale piloti. “Non si può non essere soddisfatti dopo una stagione così, abbiamo fatto tante belle cose – ha sintetizzato Gigi Dall’Igna -. A cominciare dalla fine con tre piloti arrivati in parata sul podio, una delle più belle giornate della mia carriera. Un anno fantastico, i nostri piloti hanno fatto un lavoro meraviglioso, in crescendo, con quattro nelle ultime sei vittorie da parte di Pecco. Ci metto anche la quinta, a Misano ha fatto una gara bellissima nonostante sia caduto. Credo che anche i tifosi si siano divertiti da casa“.

In Ducati non hanno mai lavorato su un solo pilota. La filosofia di Dall’Igna è realizzare un prototipo valido per tutti, raccogliendo i feedback dei suoi piloti. Forse che la squadra di Borgo Panigale ha finalmente trovato il suo pilota di punta? “Pecco è un grande campione, parlano i risultati. Continua a migliorare, quando pensi di averlo visto ad un certo livello lui si impegna a cercare l’ultimo step. Sicuramente è uno dei piloti che possono puntare in alto nel 2022“.

Obiettivo titolo piloti

Guai a pensare di avere una MotoGP perfetta per il prossimo anno. Sono i dettagli a fare la differenza, tutti i costruttori sono al lavoro sul motore dopo due stagioni di “congelamento” per l’emergenza Covid. “Le aspettative devono essere alte. Questo non vuol dire nulla, ma solo pensare di essere gli ultimi per non fare errori in questa fase e migliorare ancora la nostra moto. Pecco e gli altri piloti faranno lo stesso dal punto di vista della tecnica di guida. Vincere il Mondiale è difficile – ha concluso Gigi Dall’Igna -, ma tutti noi ci metteremo l’anima per vincere questo titolo che manca da troppo tempo”.

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

1 commento

FRA 1988
16:39, 18 dicembre 2021

Dall’Igna ha fatto il possibile per dare una moto guidabile e lo sta facendo in modo strepitoso. Ma ora tocca a Bagnaia e compagni di marca dimostrare di essere potenziali campioni.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Joan Mir

MotoGP, Joan Mir vola a Sepang: tante novità e dubbi sugli avversari

Binder KTM MotoGP

MotoGP, Brad Binder: “Petrucci incredibile, che sfida alla Dakar”

MotoGP, Michele Pirro: “Sepang è un banco di prova importante”