bagnaia motogp

MotoGP, Dall’Igna cala i tre jolly Ducati: coraggio, holeshot e Bagnaia

Ducati si fa spazio in MotoGP grazie alle trovate tecniche, al genio di Dall'Igna e al talento di Pecco Bagnaia. C'è grande attesa per vedere la Desmosedici GP22 in azione.

30 dicembre 2021 - 21:50

C’è attesa per il primo test MotoGP del 2022, soprattutto ai box Ducati. Cosa uscirà dal cilindro magico di Gigi Dall’Igna dopo le ultime trovate aerodinamiche? Dalle winglets alle carene aerodinamiche, dal tanto discusso “cucchiaio” al posteriore all’imitatissimo dispositivo holeshot… Borgo Panigale ha fatto scuola negli ultimi anni, da due anni si è aggiudicato il Mondiale Costruttori e ora punta al titolo piloti.

La nuova filosofia Ducati in MotoGP

La nuova Desmosedici si è rivelata efficace per tutti i suoi piloti, Pecco Bagnaia e Jorge Martin su tutti. “Abbiamo iniziato a lavorare con tutti questi giovani piloti, penso che sia stato qualcosa di importante, hanno uno spirito diverso. Sono quelli che mi costringono a fare meglio“, ha spiegato il Direttore Generale di Ducati Corse a Motogp.com. Fino al 2020 la percorrenza in curva era uno dei punti deboli, ma durante lo scorso inverno hanno rimediato. I tecnici hanno lavorato specialmente su telaio e sulle parti del motore che potevano essere ritoccate nonostante il congelamento.

Ducati capostipite dell’holeshot

Con il dispositivo holeshot hanno guadagnato ulteriore terreno in fase di partenza. “E’ la chiave della gara, se parti davanti è molto più facile fare una buona strategia. Abbiamo lavorato duramente per cercare di trovare un modo per fare buone partenze. Abbiamo iniziato con un’idea molto semplice due anni fa, e ogni sei mesi abbiamo aggiunto qualcosa di nuovo per migliorare il nostro sistema. Ci sono circuiti dove è molto importante, altri dove non è così importante – aggiunge Dall’Igna -. L’unico problema è che le normative in questo settore sono molto rigide e ci consentono di utilizzare solo sistemi meccanici, niente elettronica. All’inizio non è stato facile trovare un modo per farlo funzionare“.

Bagnaia punta di diamante

Alla pari dell’holeshot la potenza è un altro pilastro del prototipo MotoGP. Sorpassare sui rettilinei è più facile che in curva. Ma a fare la differenza è stato soprattutto Pecco Bagnaia, che ha saputo spremere il massimo dalla Rossa. “E’ chiaro che Pecco usa uno stile di guida diverso rispetto agli altri piloti Ducati. È molto speciale, perché usa la gomma anteriore al 100%. In Ducati abbiamo stili di guida diversi, non credo che devono lavorare in una sola direzione. Una buona moto deve dare al pilota la possibilità di usare la moto nel modo che vuole e penso che la nostra moto possa farlo in questo momento“.

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

1 commento

walterguzzi
20:33, 31 dicembre 2021

dovrebbe cominciare a vincere un mondiale altro che chiacchiere finora il baffettino ha vinto solo in Aprilia dopodiché si sono perse le tracce comunque fa bene a spillare soldi ai crucchi.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci KTM Dakar

Il consiglio di Danilo Petrucci: “Piloti MotoGP, provate la Dakar!”

MotoGP, Aleix Espargarò

MotoGP, Espargarò: “Ammiro Dovizioso, purtroppo Iannone è fuori”

Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso verso l’addio… sulla scia di Valentino Rossi