MotoGP, Cal Crutchlow e Marc Marquez

MotoGP, Crutchlow: “Se provi a imitare Márquez ti fai male”

Cal Crutchlow descrive l'inimitabile stile di guida del campione MotoGP Marc Márquez: "È straordinario, non puoi copiare da lui".

19 maggio 2020 - 16:01

Cal Crutchlow è il pilota “seriale” di casa Honda, Marc Márquez il fenomeno inimitabile, l’eccezione che consente di trionfare in MotoGP. Nessuno è in grado di gestire la RC213V come fa il Cabroncito, pur lavorando a stretto contatto con lui. “Marc è un talento incredibile, un ragazzo eccezionale con cui lavorare“, ha spiegato il britannico a BT Sport. Inutile studiare i suoi dati, “È difficile capire come lo fa perché vince quando (la moto) non è in grado di vincere. Sai cosa intendo? Il modo in cui controlla e fa scorrere la moto, l’uso del freno posteriore e anteriore è qualcosa di decisamente incredibile“.

LA RICERCA DEL LIMITE

Cal Crutchlow è profondamente meravigliato dallo stile di guida di Marc Márquez, dalla capacità di raggiungere gradi di inclinazione da record, di evitare cadute all’ultima frazione di secondo. “È qualcosa di spettacolare… Il modo in cui si adatta alla situazione in una gara. Perché, come sappiamo, cerca molto il limite nelle prove e nelle qualifiche, ed in gara sa cosa deve fare. Ma per essere così forte, settimana dopo settimana, in tutte le prove, in tutte le qualifiche e in tutte le gare, per finire primo o secondo in ogni gara del campionato, forse con un pacchetto che su alcuni circuiti non è buono come gli altri… Insomma, nonostante tutto vince le gare”.

MARQUEZ INIMITABILE

Inutile provare a imitarlo, qualsiasi pilota cadrebbe sull’asfalto con conseguenze imprevedibili. “Non è imbattibile perché è stato battuto in alcune gare, ma è un talento incredibile. Ed è bello impararlo da una parte. Ma dall’altra non puoi imparare da lui perché se provi a fare quello che fa, non finisce bene. A volte devi fare alcune delle cose che fa, ma devi filtrare ciò che non puoi fare e ripartire da lì“.

Nessuna meraviglia che Marc Márquez e HRC abbiano firmato per quattro stagioni, un evento senza precedenti nella storia della MotoGP. “Se ricevi un’offerta valida di cui sei molto contento, con una grande squadra che ti sostiene al 100% settimana dopo settimana, sai che faranno tutto ciò che possono per accontentarti – ha aggiunto Cal Crutchlow -, perché non dovresti? Penso che abbiano fatto la cosa giusta“.

2 commenti

matteochiarello197_14424442
20:25, 19 maggio 2020

Ed io che pensavo fosse solo fortunato!che vincesse solo perché ha la moto migliore!la moto con la quale tutti vincono!e cmq vince perché non ha mai trovato nessuno di forte sul suo cammino!poi ho controllato quello che già sapevo!siccome ho letto di quelle puttanate pazzesche a tal proposito vorrei documentare chi non lo è! Rossi al debutto le ha prese dal supersonico roberts,lo ricordate?ha perso un mondiale con Hayden, pace all’anima sua però non è stato un mostro sacro in motogp!!ora,tranne stoner, di cui ha preso il posto,il fortunato spagnolo,li ha piegati tutti!lo stesso rossi ha definito questi i mondiali più rappresentativi in quanto c’è un livello altissimo in pista!!e cmq mi pare che a stravincere sia sempre lui!!mah,forse non ha solo culo!!!

    dinosaur_14861264
    8:59, 20 maggio 2020

    Assolutamente condivisibile al 100%. L’unico pilota recente che, secondo me, l’avrebbe battuto e’ Stoner ma, purtroppo, non si sono mai confrontati.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP piloti

MotoGP, il mercato piloti prepara altri colpi di scena

MotoGP, Cal Crutchlow e Jack Miller

MotoGP, Crutchlow: “Miller può combattere con Márquez”

MotoGP, Carmelo Ezpeleta

Ezpeleta: “La MotoGP ha un impatto economico straordinario”