Claudio Domenicali

MotoGP, Claudio Domenicali: “Ducati ha battuto il suo record storico”

La MotoGP è la vetrina mondiale per i prodotti di serie dei costruttori. Ducati nei primi 11 mesi del 2021 ha battuto il suo record di vendite.

19 dicembre 2021 - 9:06

Ducati chiude la stagione 2021 con un bilancio più che positivo, anche se ancora non ha messo le mani sul titolo piloti MotoGP. Risultati strepitosi in classe regina, con cinque piloti su sei sul podio, due vittorie con Jack Miller, quattro con Pecco Bagnaia. Un terzo dei trionfi stagionali è finito a Borgo Panigale, ma Fabio Quartararo ha saputo fare la differenza come singolo. “Festeggiamo il titolo mondiale Costruttori e dei Team“, sottolinea l’a.d. Claudio Domenicali. “Crediamo che le nostre moto rappresentino una grande soddisfazione per i nostri clienti“.

Ducati punta al Mondiale

Risultati importanti sia in pista che su strada. Manca l’ultimo tassello per raggiungere quel sogno che manca dall’epoca di Casey Stoner. La sensazione è che manchi solo la ciliegina sulla torta: “Sono molto contento, un risultato straordinario. Abbiamo chiuso per la prima volta nella storia con un podio tutto Ducati. Pecco si è sbloccato ad Aragon, ha vinto quattro gare nelle ultime sei, a Misano è caduto perché abbiamo rischiato montando una gomma più performante ma difficile da usare. Credo che la squadra abbia fatto un lavoro fantastico, ci presentiamo al 2022 con le carte in regola per fare bene. Ma alla fine vince un solo pilota“.

Vittoria sui mercati

Ma i bilanci di un’azienda costruttrice si basano anche e soprattutto sui mercati. Per Ducati il 2021 è stato un anno di successi anche dal punto di vista delle vendite. “E’ un momento magico, nei primi 11 mesi abbiamo già venduto più moto di quante non ne abbiamo mai vendute in un anno intero. Abbiamo battuto il nostro record storico – spiega Claudio Domenicali -. I prodotti nuovi hanno funzionato benissimo, abbiamo lanciato modelli con grandi aspettative per il 2022, come il DesertX pensato per il fuoristrada. A Jerez abbiamo presentato la nuova Panigale con i piloti MotoGP. Un collegamento strettissimo fra le moto che vendiamo e quelle della MotoGP, un trasferimento tecnologico fortissimo. Poi abbiamo iniziato con la MotoE, è cominciata l’era elettrica. L’ingresso nel campionato preannuncia una nuova produzione di serie. Il presente più bello di sempre è un grande futuro“.

Foto: Getty Images

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

prustel dupasquier moto3

Moto3: PrüstelGP apre il 2022 nel ricordo di Jason Dupasquier

cfmoto prustelgp moto3

Moto3 2022, ecco i colori del progetto CFMoto Racing PrüstelGP

MotoGP, Enea Bastianini

MotoGP, esclusiva Pernat: “Bastianini ha un solo obiettivo”