MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, chi ha segnalato Fabio Quartararo e cosa rischia a Jerez

Fabio Quartararo è stato segnalato alla FIM da un team avversario. La stagione MotoGP potrebbe iniziare con una (semplice) reprimenda per il pilota Yamaha.

3 luglio 2020 - 8:57

Fabio Quartararo verrà convocato dallo Steward Panel a Jerez. La sua stagione MotoGP 2020 inizia con il fiato sospeso dopo aver commesso l’ingenuità di effettuare un test privato con una Superbike “troppo” modificata. La sua Yamaha R1 Superbike, preparata dall’azienda francese Tech Solution, montava freni in carbonio e aveva modifiche all’elettronica vietate dal regolamento. Una squadra avversaria (Honda o Suzuki?) ha notato che sono state utilizzate parti non consentite. Da qui è partito il reclamo formale e così la FIM è venuta a conoscenza della questione.

Il regolamento prevede test privati con una Superbike 1000 in pista, a patto che sia una versione stradale. Per motivi di sicurezza, tuttavia, sono consentite modifiche ai freni (sono vietati i freni in carbonio), gli ammortizzatori, lo scarico e l’ergonomia. Tali modifiche devono essere preventivamente comunicate al Direttore tecnico della MotoGP Danny Aldridge. Naturalmente, è anche possibile rimuovere specchi retrovisori e indicatori. Devono essere usati pneumatici che possono essere acquistati sul mercato.

IL CASO QUARTARARO

Il Paul Ricard non è un circuito del calendario MotoGP e la R1 è molto lontana dalla sua YZR-M1. Quindi sembra improbabile che Quartararo potesse ottenere alcun vantaggio per la stagione 2020, ma ha violato le regole della “notifica preventiva”. In passato, le penalità sono state concesse solo per coloro che hanno provato illegalmente con una moto da gran premio o hanno girato su un circuito dove entro due settimane si sarebbe tenuto un GP. Dallo staff Petronas SRT e di Fabio Quartararo non sono arrivate smentite, ad ogni modo non è l’unico pilota che verrà convocato a Jerez. Si parla di almeno un altro atleta delle classi inferiori.

Ma cosa rischia adesso il 21enne di Nizza? Nessuno dubita della sua buona fede, tant’è che il test è stato immortalato con foto e video che hanno fatto il giro del web. Quindi non aveva nulla da nascondere. Molto probabile se la caverà con una reprimenda o una penalità che non influirebbe sulle possibilità di ambire alla vittoria del primo round a Jerez. Del resto Dorna non sembra intenzionata a cominciare una stagione MotoGP, già alquanto precaria, con una polemica che non farebbe bene a questo sport. Con il rischio, però, possa rappresentare un precedente…

4 commenti

dinosaur_14861264
8:48, 4 luglio 2020

“dopo aver commesso l’ingenuità”: non si tratta di ingenuita’, ma di illecito sportivo. Va inflitta una punizione esemplare.

ruggero_sabatin_14597792
13:14, 3 luglio 2020

E si vede anche dal video, al secondo 18 si intravedono i dischi ed hanno i fori

    Rovigno
    13:53, 3 luglio 2020

    Appunto, mai controllare, eh?

ruggero_sabatin_14597792
13:12, 3 luglio 2020

Dalle foto mostrate da Fabio sui social la sua R1 aveva dei dischi in acciaio

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alex marquez motogp

MotoGP, Emilio Alzamora: “Alex Márquez ci sta sorprendendo”

riccardo rossi moto3

Moto3: Riccardo Rossi negativo e pronto per il ritorno a Valencia

MotoGP, il podio del GP di Teruel 2020

MotoGP, dialoghi “segreti” tra Morbidelli-Rins-Mir prima e dopo il podio