Carlos Checa

MotoGP, Carlos Checa: “Per Valentino Rossi sarà difficile vincere ancora”

Carlos Checa analizza la stagione MotoGP 2020 di Valentino Rossi. E su Andrea Dovizioso: "Il suo addio ancora mi sorprende".

29 dicembre 2020 - 9:43

La stagione MotoGP 2020 sarà ricordata soprattutto per l’emergenza Covid-19 e l’infortunio di Marc Marquez. Senza nulla togliere alla vittoria della Suzuki e di Joan Mir. L’ex campione Superbike Carlos Checa analizza la tabella di marcia di Valentino Rossi e Andrea Dovizioso. Entrambi hanno avuto forse l’ultima occasione per riconfermarsi campioni del mondo, ma un po’ per sfortuna, un po’ per demerito, non hanno saputo sfruttare la situazione. “Per me il pronostico di inizio anno era Viñales / Quartararo o Quartararo / Viñales come favoriti, tutto questo parlando sempre del fatto che Marquez non ci sarebbe stato. Per me, Marquez era indiscutibilmente il favorito“.

La pagella sul Dottore

Il successo ottenuto a Jerez lasciava prevedere il meglio per Yamaha, il podio del Dottore al secondo round aveva fatto intravedere una stagione MotoGP con i fiocchi. Invece, la mancanza di grip, una M1 incapace di superare sui rettilinei hanno contribuito a rendere opaco il 2020 del campione di Tavullia. Il passaggio a Petronas SRT “toglierà un po’ di pressione… Quest’anno ha commesso diversi errori e penso che cercherà di aggiustarli“, ha dichiarato il catalano a Motosan. “La voglia di voler vincere o di ottenere buoni risultati credo sia ciò che gli ha fatto commettere degli errori. E poi la sfortuna del Covid, che gli ha tolto diverse gare segnando la stagione di Valentino Rossi. A pensarci bene, questa era la sua stagione, perché la costanza di risultati che ha sempre avuto, non quest’anno, potevano consentirgli di lottare per il campionato… Sa bene che sarà molto difficile vincere di nuovo“.

Nel team satellite della Yamaha Valentino Rossi potrebbe trovare un ambiente più familiare. Del resto nell’altro angolo del box troverà l’amico Franco Morbidelli, un’atmosfera che potrebbe aiutarlo a chiudere la carriera con un acuto. “Nella struttura c’è anche Ramón Forcada, che per me è un grande allenatore, visto il suo curriculum di vittorie e campionati con Jorge Lorenzo. In questo senso – ha proseguito Carlos Checa – credo che Valentino possa avere una squadra migliore“.

Le dimissioni di Dovizioso

Nella prossima stagione MotoGP non ci sarà Andrea Dovizioso in griglia. Dopo tredici stagioni in classe regina (otto con Ducati), il Motomondiale perde uno dei suoi grandi protagonisti. “L’addio di Dovizioso mi ha sorpreso e ancora mi sorprende. Non so davvero se tornerà o se ha già qualcosa concordato con una squadra. Ma se non fosse così mi sorprenderebbe, ho un ottimo rapporto con Andrea e penso che sia uno dei piloti che ha le idee molto chiare. Sa soppesare molto bene i suoi errori con quelli dell’ambiente“. Resta in piedi la fragile ipotesi di un ingaggio da parte della Honda, ma Dorna pare non voglia fare sconti concedendo tre moto al team di Alberto Puig. Per sostituire Marc Marquez “l’opzione migliore sarebbe Dovizioso. Non solo per la sua velocità, ma anche perché può portare molte informazioni alla Honda. Inoltre – ha concluso Carlos Checa – come collaudatore ha un profilo perfetto“.

1 commento

Max75BA
12:23, 29 dicembre 2020

…il podio è alla portata di Rossi e potrebbe sorprenderci vincendo un gp, mi auguro che la Honda punti su Dovizioso, senza M.M. il titolo potrebbe tornare proprio con il Dovi…che insieme a Morbidelli sono gli unici italiani che possono ambire al titolo mondiale…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso nel box Petronas

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Non posso guidare d’istinto”

moto3 moto2 motogp

Moto2 e Moto3, ecco le squadre confermate per la stagione 2022

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP Test, Fabio Quartararo boccia il nuovo motore: “Serve più potenza”