crutchlow motogp

MotoGP: Cal Crutchlow oltre i problemi, Honda in seconda fila

Cal Crutchlow gran protagonista in qualifica a Le Mans: prima fila mancata di soli 12 millesimi. Ma è carico per la gara, braccio permettendo.

10 ottobre 2020 - 21:10

Menzione d’obbligo per Cal Crutchlow, che sta superando sia i suoi limiti fisici che quelli della moto. L’alfiere LCR Honda conquista una splendida quarta casella in griglia, che avrebbe potuto essere addirittura migliore senza qualche errore. Ha mancato la prima fila di appena 12 millesimi, ma è il miglior pilota della casa dell’ala dorata in vista della gara MotoGP a Le Mans. Visto il suo braccio non a posto ed una RCV sempre difficile da gestire, è un risultato di tutto rispetto. Ma riuscirà a confermarsi anche in gara?

“Oggi è andata un po’ meglio” ha dichiarato il pilota di Coventry alla fine delle qualifiche. “Non è stato male riuscire a realizzare un bel po’ di giri buoni.” Ammette poi che “Prima delle qualifiche abbiamo avuto qualche piccolo problema ad entrambe le moto, ma per fortuna siamo riusciti a risolvere tutto presto. Abbiamo dimostrato di avere un buon passo, vedremo come andrà domenica.” Nello specifico sulle qualifiche, non tutto è andato come previso: “Ho commesso qualche errore nel mio giro più veloce.”

“Stavo realizzando un buon giro e non volevo rovinare tutto, ma ho frenato due curve troppo presto” ha ammesso l’ex campione Supersport. “In seguito Petrucci si è messo davanti a me in frenata, per questo ho dovuto lasciare la traiettoria ideale. Ho perso molto tempo e questo mi è costato la prima fila.” Ma è ottimista per la gara, anche se chiaramente tutto dipenderà dalle sue condizioni. “Come dico sempre, se posso spingere e il mio braccio non sta troppo male, allora darò tutto.”

Foto: Dorna Sports

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Aleix Espargarò e il pronostico su Andrea Dovizioso

motogp teruel sky sport

MotoGP, Teruel: occhio agli orari TV! Dirette Sky Sport, DAZN e TV8

eg 0,0 moto3

Moto3: EG 0,0 e Monlau scrivono la parola ‘fine’ al progetto mondiale