MotoGP, Cal Crutchlow

MotoGP, Cal Crutchlow idea ritiro: “Sono diverso da Jorge Lorenzo”

Cal Crutchlow lascia un punto interrogativo sul suo futuro. Ma il pilota LCR Honda non deciderà in base ad un incidente, come Jorge Lorenzo...

4 dicembre 2019 - 15:42

Cal Crutchlow ha fatto discutere qualche mese fa annunciando che il 2020 potrebbe essere l’ultimo anno in MotoGP. Il pilota del team LCR è noto per lanciare provocazioni e probabilmente non è il suo vero desiderio. Nei prossimi mesi il veterano britannico si ritroverà a dover discutere la sua posizione professionale fino al 2022. Probabile che qualcuno decida di seguire le orme di Jorge Lorenzo, o il tempo degli addii verrà ulteriormente rimandato. Si pensi a Valentino Rossi o ad Andrea Dovizioso, che dopo una lunga carriera potrebbero lasciare pur di non dover sottostare ad eventuali diktat aziendali.

Nel 2020 il 34enne Cal Crutchlow disputerà la sua decima stagione in MotoGP. “Come sapete, guiderò l’anno prossimo e l’intera storia [sulle mie dimissioni] è arrivata dopo che ho rilasciato un’intervista in cui ho detto che forse questo è il mio ultimo contratto“. Non è la prima volta che l’ex pilota Ducati ha pensato alle dimissioni. Era già capitato nell’estate 2017 quando ha firmato il rinnovo di contratto. A Far pendere la bilancia verso il possibile addio l’incidente rimediato a Phillip Island nel 2018. In quell’occasione Cal temeva che non sarebbe più tornato a camminare normalmente. Per molte e lunghe settimane non poteva appoggiare piede in terra, poteva allenarsi solo in bicicletta. Per tenersi in forma e portare avanti una celere preparazione ha trascorso l’inverno nella calda California.

Del resto Jorge Lorenzo insegna che a volte un incidente può essere una buona motivazione per appendere il casco al chiodo. Cal Crutchlow dovrà però valutare le prestazioni del prossimo campionato MotoGP, l’offerta della Honda e il feeling con la nuova moto. “Capisco [Lorenzo] che dopo essere caduto abbia detto che è abbastanza. Quando mi sono schiantato l’anno scorso, mi sono sentito praticamente lo stesso… Ma io sono diverso – ha aggiunto il pilota LCR -. Solo un’ora dopo l’incidente, stavo già programmando il mio ritorno a Valencia. Ovviamente era impossibile, ma volevo tornare. Marc [Márquez] è più simile a me, Jorge invece è diverso, più sensibile. Non so cosa sia giusto o sbagliato“.

2 commenti

lorenzoursan_14190819
16:42, 4 dicembre 2019

Una caviglia non è una vertebra…..

    marcogurrier_911
    18:12, 4 dicembre 2019

    Cal non perde occasione per dire la sua e per fare polemica….buttasse meno veleno in giro….

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo a Motegi per il ringraziamento Honda

johann zarco

Johann Zarco: “Ho davanti 3-4 stagioni da vivere al massimo”

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Viñales: “L’interesse Ducati mi lusinga”