MotoGP, Cal Crutchlow

MotoGP, Cal Crutchlow: “Gli altri piloti sono tutti pazzi”

Cal Crutchlow non condivide la preparazione fisica dei suoi colleghi MotoGP: "Arriveranno scarichi all'inizio del Mondiale".

28 aprile 2020 - 17:09

Cal Crutchlow si è trasferito in California subito dopo l’annullamento delle gare in Qatar e Thailandia, in attesa del successivo GP ad Austin. Il pilota LCR trascorre nella penisola americana buona parte del tempo lontano dalle corse. Qui il Coronavirus ha infettato oltre 45mila persone e causato 1753 vittime. Il lockdown non è restrittivo come in Italia o Spagna e può allenarsi all’aperto in solitudine. Ma in assenza di una data certa per iniziare la stagione MotoGP ha rallentato la preparazione. “A gennaio facevo 30 ore a settimana sulla mia moto, ora 22 con un ritmo molto più basso“.

LA PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO

Non segue una dieta ferrea, “mangio quello che voglio, d’altronde non riprenderemo prima di due mesi“. E non condivide il carico di lavoro di molti suoi colleghi della MotoGP. “Gli altri sono tutti pazzi e ora stanno andando a tutto gas! Se ora continui come se fosse gennaio ad agosto arriveranno distrutti. Se non hai obiettivi e nessuna data prestabilita – riporta Speedweek.com -, è molto difficile elaborare un piano di allenamento. Ma lasciamoli fare e che si esauriscano completamente! Il movimento è fantastico, ma faccio solo sport invece di un duro allenamento. Mi diverto in bici il più a lungo possibile“. Del resto il pilota LCR Honda ha fissato un punto certo nel suo futuro: proseguire anche nel 2021.

LA QUARANTENA IN CALIFORNIA

In California si può fare ciclismo con le dovute misure di sicurezza, un distanziamento di due metri. “Sono fortunato a poterlo fare perché so che molte persone non possono. In Gran Bretagna, nell’Isola di Man e negli Stati Uniti fanno bene a concedere il permesso di praticare sport all’esterno. Ma non sto dicendo che l’Italia, la Spagna e altri paesi abbiano sbagliato“, ha aggiunto Cal Crutchlow. “Qui in California, le regole dicono che puoi stare fuori per fare sport, ma non puoi andare in giro liberamente. Molti dei sentieri della zona sono chiusi. Vivo vicino a una base militare dove sono di stanza gli elicotteri della polizia e possiamo vederli sorvolare… Inoltre il blocco ti insegna davvero alcune cose, ad esempio come congelare il cibo“.

1 commento

fabu
17:38, 28 aprile 2020

Ha detto una cosa che penso anche io. Vedere Aleix Espargaro fa impressione da quanto è magro, e anche Rins ha perso parecchio peso. Se il mondiale iniziasse domani non riuscirebbero ad arrivare in fondo alla gara. I rulli e il cardio non sono una bestia da 260 cavalli.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dani Pedrosa: “Difficile immaginare il mondo dopo questo periodo”

MotoGP, Marc Marquez e Valentino Rossi

Valentino Rossi o Marc Marquez? La scelta di Lucio Cecchinello

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Jonathan Rea non crolla sotto pressione”