MotoGP: Cal Crutchlow con Yamaha Tech 3 nel 2011

Prenderà il posto di Ben Spies promosso al team ufficiale

5 settembre 2010 - 15:35

Adesso è ufficiale: Cal Crutchlow, campione del mondo Supersport 2009 e attuale pilota Yamaha nel World Superbike, passerà nel 2011 in MotoGP con il team Monster Yamaha Tech 3 in sostituzione di Ben Spies, “promosso” alla squadra ufficiale. “The Dog” dallo scorso anno è pilota ufficiale dei Tre Diapason prima in Supersport dove ha portato la R6 al titolo mondiale con 10 pole e 5 vittorie, successivamente in Superbike, attualmente 5° in campionato con la doppietta di Silverstone all’attivo.

Far parte del team Yamaha Superbiike è stato fantastico“, ha detto Cal Crutchlow. “Quando ho firmato con Yamaha per la Supersport nel 2009 siamo riusciti a vincere il titolo ed il passaggio successivo è stato quello di correre in Superbike. E’ un onore continuare a far parte della famiglia Yamaha adesso in MotoGP attraverso il Team Tech 3, come d’altronde ha già fatto Ben Spies. Ho guidato per la prima volta una Yamaha nel 2003 nella R6 Cup, pertanto è una grande opportunità per me. E’ fantastico sapere che è stato Hervè Poncharal a volermi e anche la stessa Yamaha: ho l’intenzione di fare il miglior lavoro possibile, partendo con umiltà cercando di imparare il più possibile“.

Al suo fianco Hervè Poncharal, boss Yamaha Tech 3, dovrebbe riconfermare Colin Edwards per la quinta stagione consecutiva, mentre come risaputo al team ufficiale ci saranno Ben Spies e Jorge Lorenzo.

Cal Crutchlow aveva già raggiunto un accordo di massima con Tech 3 nel weekend di Brno della MotoGP, trovando conferma nelle successive settimane con il supporto Yamaha. Al suo posto in Superbike ci sarà Marco Melandri, all’esordio in Superbike.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp misano

MotoGP verso Misano-2: tutti gli orari TV su Sky Sport, DAZN e TV8

motogp valentino rossi

MotoGP: folla e poster dedicato per salutare Valentino Rossi a Valencia

Andrea Iannone ex pilota MotoGP

MotoGP, Andrea Iannone su Rai1: “Sono un uomo che vive di sfide”